Un libbro va, uno vič: bibliografia della letteratura romanesca dal 1870 al Duemila

Copertina anteriore
Aracne, 2007 - 286 pagine
0 Recensioni
Nel 1869 esce la prima raccolta di sonetti di Giuseppe Gioachino Belli. Il 20 settembre del 1870 Roma diviene capitale del neonato Stato italiano. Sono questi i due eventi da cui nasce la letteratura dialettale romanesca: una letteratura che probabilmente non ha eguali in ambito italiano per abbondanza e frammentarietą della sua produzione. La bibliografia raccoglie oltre 1300 opere edite tra il 1870 e i primi anni di questo secolo. Si tratta di un materiale imponente, comprendente volumi, fascicoli, opuscoli, cartoline e fogli volanti; ma si tratta anche, molto spesso, di un materiale di difficile reperibilitą, vista l'attenzione, inevitabilmente rapsodica, offerta dall'imprenditoria editoriale (in molti casi gli stampatori sono semplici tipografi, dietro i quali intuiamo l'investimento finanziario dell'autore e la limitatissima circolazione delle copie). Un libbro va, uno vič vuole essere il filo d'Arianna per chiunque vorrą intraprendere un percorso nel labirinto della letteratura romanesca moderna e contemporanea.

Dall'interno del libro

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Indice

Presentazione
5
Bibliografģa 33
48
Indice per editore
177
Copyright

1 sezioni non visualizzate

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche