Giornale de' letterati d'Italia, Volume 33,Parte 1 (Google eBook)

Copertina anteriore
Apostolo Zeno, Pietro Caterino Zeno
Appresso G. G. Hertz, 1721
0 Recensioni
  

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 499 - Grandiflìmo affetto portava e gli non meno agli amici letterati che alle accademie e virtuofe adunanze, ove follecitamente interveniva . La fua più diletta e frequentata accademia fu quella degli Apatifti-, della 'quale era perpetuo fegretario e cirimoniere, e dove fin l'anno 1670. fece una bella Ora, Y 2 ziozìone latina in morte del Gran duca Ferdinando II.
Pagina 45 - ASTONE, che, qualunque volta fapeva efler lui giunto nella Libreria Palatina , al fuo ufnale appartamento congiunta , fé ne andava colà in abito così da camera e dimeftico a ritrovarlo , e quivi feco con fuo fommo piacere a lungo fi tratteneva in dotti ragionamenti . Andavavi per altro...
Pagina 426 - Chi fa, che que'motj de'mafchi fopra le locufte , che crediamo di libidine, odi collera, .non fieno de/rinati a facilitare il parto , ad eccitare tutte le potenze al loro ufficio , e far che le uova più facilmente fi fiacchino , e tutti i fluidi colà trafcorrano ? Ma di una cofa così recondita, e ofcura abbiamo detto affai , e forfè tropi pò, non pretendendo però di ftabilir cofa alcuna , ma di accenna. re , come volando", i noftri penfieri . * . . •. Mette il noftro Autore il terru p.»3-...
Pagina 285 - Tanno ma il giorno del mefe in cai rìmpreflione fu fatta ; il che, chi diede l'altra edizione , non ardì d'efprimere nella fteffa , come colui che furtivamente , e , come fuol dirfi , alla macchia la fece. Forfè fu ella fatta in Firenze , come a noi fembra dalla forma de'caratteri , ma occultamente , per fottrarfi dall'indign azione di Palla Ruceììai^ pcrfo.
Pagina 15 - B per far ciò agevolmente , e fenia eflerne divertito dalla con. : - - ver» verfazìone degli amici lettera. ti, che ammetteva indifferentemente dopo il definare in fua cafa; di quefta non usò mai di ufcire la fera , né di trattenervi veruno oltre le 24. ore , a riferva della fua lucerna , poiché poco meno del tempo della...
Pagina 471 - dava componendo quell'opera , in- ,,. forfè la controverfia fovra il feno- „ meno (del barometro tra '1 buon „ •vecchio Ramazzini e '1 Sig. Dot- ,., tor Torti , come pure racconta il » Sig. Ramazzini nipote nella vita „ del zio , Onde preintdì il Padre » Fontana, i fondamenti dell'una e 1...
Pagina 435 - Gli ftntmenti fono , un regale , »» fagotto , e due flauti . Il fagotto è più baffo del regale un femituono maggiore^ il primo flauto è più alto del regale , una terza minore ; il fecondo flauto i fiu baffo del regale , un tuono ; la...
Pagina 441 - Ora , fé fi toccherà (labilmente detto Ffaut con terza mag. giore , e quinta , e che detta terza maggiore appena toccata , fi leverà avanti che fia terminato il rimbombo dell'altre corde , l'orecchio perderà agevolmente il cattivo fuono...
Pagina 108 - ... del cerebello fatte a perpendicolo quella elegante figura di arbofcelli e di foglie, che a tutti è nota. Conferma 1

Informazioni bibliografiche