Storia d'Italia continuata da quella del Guicciardini sino al 1789, Volume 9 (Google eBook)

Copertina anteriore
Presso Baudry, 1832
0 Recensioni
  

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Libri correlati

Pagine selezionate

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 201 - Quei dolci volti a canto ai volti severi dei religiosi, a canto ai volti sdegnati degli andanti a guerra presentavano in un miscuglio solo quanto la umanità ha di più tenero, di più venerando, di più tremendo. Genova felice, che tali cose vide, che tali cose tramandò; e se fia, che un giorno le ravvedute generazioni pensino, che nei forti e virtuosi fatti , non nelle astratte sofisterìe consistono 1' amore della patria , l'amore della libertà, Genova sarà lodata di avere rinnovato in tempi...
Pagina 194 - ... duravano con la più immobile costanza. Né ricovero alcuno avevano; conciossiacosaché i nobili , o che temessero , che il popolo fosse per venire a qualche atto sfrenato contro di essi , o che incerti dell'evento amassero temporeggiarsi per comparire incolpabili in qualunque caso , avevano fatto chiudere gelosamente le porte, con negare ostinatamente di aprirle al popolo medesimo , che per trovar riparo contro la tempesta del cielo, di ciò gli richiedeva.
Pagina 333 - Lambertini, e tale al mondo si mostrò, né mai altro papa diede quanto egli , così grande avviamento alla riunione delle religioni cristiane dissidenti, colla cattolica. Ciò col costume e col procedere savio, prudente e dolce piuttosto che coi sillogismi faceva. Sapeva, che i buoni costumi allettano e convertiscono gli uomini, le sottili argomentazioni gli fanno renitenti e caparbj . Il costume non offende, perché non comanda , il vincere per loica , o per forza sì , perché fra due contendenti...
Pagina 330 - Cristo, menavano un grandissimo remore, i semplici non sapevano dove volgersi , né più pace alcuna di coscienza avevano. Se si fossero mescolate , come ai tempi degli Enrichi , le ambizioni di stato e le sette politiche, o se un papa di minore mansuetudine e prudenza occupato avesse la sede di San Pietro, al certo sarebbe nata in quel discorde paese la guerra civile.
Pagina 200 - ... ultimo passo , d' aita chi dall' alto protegge le generose opere dei mortali afflitti. Dei preti e frati alcuni salmeggiavano nei loro cupi cori , e le divote e dimesse voci indicavano, che in quel momento stesso una gran causa si giudicava : le dimesse voci chiamavano a riverenza in terra, i cuori volavano al cielo. Altri, o preti pure o frati, mescolatisi col popolo, si precipitavano col crocifisso in petto e lo schioppo in mano, del pari animando e del pari combattendo. Altri schierati in...
Pagina 209 - Austriaci , si condusse a nome del popolo al palazzo , ov' erano i collegi adunati, e al doge presentandole, disse : Signori, queste sono le chiavi, che con tanta franchezza Loro Signori Serenissimi hanno date ai nostri nemici; procurino in avvenire di meglio custodirle , perché noi col nostro sangue ricuperate le abbiamo.
Pagina 208 - Flegia9 infelicissimo va tra l'ombre gridando ad alta voce: - Imparate da me voi che mirate la pena mia: non violate il giusto. Riverite gli dei. Tra questi tali...
Pagina 190 - fare la minima violenza. Si radunò ora qua, ora là a « squadriglie , macchinando ciascuno a suo modo la « meditata sorpresa. » I Tedeschi si erano fatti forti alla porta di San Tommaso, dove portano le tre contrade dell...
Pagina 189 - Austriaci senza difendersi) l'in« tese a suo modo , voltossi a cercare le armi altrove, « corse alle varie porte e posti della città , e per forza « strappò di mano alle guardie i fucili, dicendo loro, « che se ne facessero dare degli altri. Quindi pen...

Informazioni bibliografiche