Annali universali di statistica, economia pubblica, storia, viaggi e commercio, Volumi 33-34 (Google eBook)

Copertina anteriore
Presso Gli Editori, 1832
0 Recensioni
  

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Libri correlati

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 190 - ... tutti compresi da una grande carità di patria, e da un gran sentimento di religione, noi che ci facciamo gloria di esser nati e di vivere in Toscana, e di essere governati dalle leggi di quel Grande che essi insultano, diremo francamente che Iddio pose loro il buio nel pensiero, e che vivono in stato abituale di delirio. Se così non fosse, oserebbe uno fra essi più impudente paragonarsi empiamente al Divino Salvatore, al Dio, venuto in terra a fondare il regno della giustizia e della uguaglianza...
Pagina 34 - ... e fondamentale della libera concorrenza. Siamo ammaestrati che « la libera concorrenza suppone nel suo concetto « la facoltà di operare senza ostacoli su di un dato oggetto , e « però involge il supposto dell'esistenza di poteri e la respettiva « libertà nell'esercizio dei medesimi. . . . Negli affari economici « la libertà equa deve esistere rispetto alle cose , alle persone , « ed alle azioni. Senza questa triplice e simultanea libertà non « esistono i poteri necessarj alla divisata...
Pagina 145 - Oso predire che meditando la forza dei princìpi, e sviluppandone i rapporti mediante molteplici e svariate applicazioni, tempo verrà che tutta la ragion pubblica economica sarà ridotta a regole fisse come il diritto civile, e sarà riguardata come sacra al pari del civile diritto; o, per...
Pagina 18 - ... innocenza del relatore. Il nome di reato viene da noi attribuito a qualunque violazione dell'ordine giusto e dimostrato dalla ragione , da qualunque uomo o potenza venga commessa. Quindi esister possono tanto reati legislativi, quanto reati esecutivi , tanto speculativi, quanto pratici. Nell'ordine sociale delle ricchezze il peccato il più capitale e il più abituale di tutti consiste nel sacrificare ad un ramo o ad una classe particolare l'interesse o il diritto di tutto il consorzio civile-...
Pagina 190 - ... terra a fondare il regno della giustizia e della uguaglianza fra gli uomini? Una bocca che vomita sentenze infernali di terrore e di esterminio si vorrà confrontare con quella bocca divina , che dettava una legge di mansuetudine , di amore , e di fratellanza ? E ardite chiamarvi annunzi»tori della 'verità .
Pagina 112 - Quale impedimento , prosegue lo stesso Carli , alla libera contrattazione, e per conseguenza quale incertezza ne' contratti e guai pregiudizio ai contraenti arrecar possa un sistema monetario tanto contrario alla legge della bilancia , che è legge di verità , può facilmente ognuno da sé immaginarsi. Non sarà fuor di ragione che noi avremo in oggi risuscitato...
Pagina 142 - Questa favorevole prevenzione che nasce nei lettori al primo leggere dell'opera, non rimane delusa quando prosieguono nell'impresa lezione. Poiché l'autore, per quanto si poteva in argomento .sì vasto, non ha omesso diligenza a trovar la verità. Egli confessa in vero di non aver veduto sempre i documenti originali e gli scrittori contemporanei agli avvenimenti , e di essersi fidato sovente alle più lodate compilazioni. Tuttavia e sui punti controversi , e sugli argomenti più importanti si è...
Pagina 43 - Tali iucoraggimenti , soggiunge la commissione, son rovinosi allo Stato , quando lo Stato non ha come compensarsene : ma sovente essi sono un dovere , quando cioè si rende alla seta nazionale il dazio che il governo ritrasse dalla seta straniera importata. I tessuti semplici sui quali dovrebbe cadere 1* incoraggiinrnto, tra stollo e nastri, si esportano nella somma annua di circa 5<j milioni e mezzo.
Pagina 32 - Oh che beli" alveare ! Dico male. Oh che maraviglioso arsenale ! . . Ma questo bisogno di progresso eterno e non mai soddisfatto donde lo fate venire? Un certo progresso pare necessario per una culta e soddisfacente convivenza; ma l'andare più oltre non so come fare si possa , né come se ne senta il bisogno . . . Rilevato lo scopo si domanda quale sia la forma della instituzione? — Qui risponde il testo colle seguenti parole: « Poiché la società politica di un'epoca offre mai sempre una riflessione...
Pagina 157 - ... primo passo che convien fare nello studio di essa. La sua sfera abbraccia i cinque generi . di proprietà del cittadino, cioè la personale, la reale, la morale, la famigliare e la sociale , da assicurarsi e da contemperarsi nella civile convivenza. La forza dei principj , degl'interessi e dell'indole delle cose è tale che costringe a riunire le membra dilaniate della scienza in un sol tutto solido, potente e benefico, col quale trionfi l'uomo individuo coli' elevazione civile dell

Informazioni bibliografiche