Blocchi

Copertina anteriore
Bompiani, 2002 - 108 pagine
5 Recensioni
Pubblicato per la prima volta nel 1931, "Blocchi" racconta la vita nello Stato Totalizzante del futuro, un mondo perfettamente squadrato che si sviluppa in una città fatta di grandi cubi, senza passato, senza critica, senza pensiero. L'arte, nella città dei cubi, è confinata nel luogo del "cattivo esempio", l'uomo esiste solo come condizione limite, piegato e schiavizzato dal sistema. E quando un tentativo non di ribellione ma di discussione mette in crisi l'equilibrio dello Stato perfetto, la forza dei blocchi piega senza sforzo qualsiasi forma di pensiero libero.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Valutazioni degli utenti

5 stelle
5
4 stelle
0
3 stelle
0
2 stelle
0
1 stella
0

Blocchi

Recensione dell'utente  - Emilio - IBS

Futuro imperfetto, Natura perfetta Ma che gli volete dire a questo? Ma cosa volete, il sangue da Bordewijk? Anno 1931 e sto tipo se ne esce con un pamphlet tutto sostanza e zero perdite di tempo. Si ... Leggi recensione completa

Blocchi

Recensione dell'utente  - Edoardo - IBS

Scritto prima degli altri due libri distopici più famosi ("1984" e "Il Mondo Nuovo"), è un concentrato di descrizioni di vita totalitaria, che si collegano perfettamente alla figura dei cubi (Blocchi ... Leggi recensione completa

Informazioni bibliografiche