Briciole: storia di un'anoressia

Copertina anteriore
Feltrinelli Editore, 1994 - 103 pagine
E' difficile credere all'anoressia mentale. Chi la osserva da fuori non concepisce che il cibo possa diventare un nemico così, all'improvviso, apparentemente senza motivi. Chi la vive non riesce più a capire come le persone possano mangiare senza problemi, senza l'ansia, senza l'angoscia. L'esistenza della protagonista di questo racconto parzialmente autobiografico si riduce un po' alla volta "in briciole". Si tiene in vita con pillole che anticipano l'alimentazione del futuro oppure alternando mangiate che la fanno star male a digiuni inflessibili. Ma sarà proprio una briciola di emozione, la riscoperta dei sentimenti, a ribaltarla e salvarle la vita.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Indice

Sezione 1
7
Sezione 2
9
Sezione 3
15
Sezione 4
21
Sezione 5
27
Sezione 6
37
Sezione 7
43
Sezione 8
59
Sezione 9
71
Sezione 10
75
Sezione 11
85
Sezione 12
91
Sezione 13
95
Copyright

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Riferimenti a questo libro

Informazioni bibliografiche