Contro il mercato della salute

Copertina anteriore
Bollati Boringhieri - 109 pagine
1 Recensione
«Le persone sane sono persone malate che semplicemente non sanno di esserlo». La battuta di una vecchia commedia è uscita dai teatri per inverarsi negli attuali sistemi sanitari. Quel paradosso va sotto il nome, in apparenza confortante, di medicina preventiva: screening di massa attuati con sofisticate apparecchiature di misurazione biometrica rilevano minime anormalità spesso indolenti e non progressive, su cui agisce poi un trattamento farmacologico di correzione della «devianza». Sollecitudine per la salute pubblica o affare colossale per il complesso medico-industriale? Iona Heath non ha esitazioni. Assimila le politiche neoliberiste in materia di rischio epidemiologico a una «licenza a stampare denaro». Ma nella sua accorata accusa contro la «combinazione tossica di interesse personale e buone intenzioni» la dottoressa Heath, tra i medici più esperti e stimati del Regno Unito, non è sola. Ricerche scientifiche pluridecennali hanno ormai dimostrato che l’illusione statistica dell’efficacia della prevenzione dipende soltanto dall’ampliamento della nozione di malattia e dall’abbassamento della soglia dei protocolli di intervento. Il risultato di questo regime di sovradiagnosi e sovratrattamento è una medicalizzazione della vita che ci fa sentire tutti un po’ malati, mentre storna ingenti risorse dalla cura di chi ne ha davvero bisogno, ossia le fasce soccombenti della popolazione. Quando ci ripeteranno che «prevenire è meglio che curare», chiediamoci almeno quali costi sociali abbia un’ossessione per il benessere del corpo che allontana sempre più l’idea stessa della sofferenza dall’orizzonte umano a cui inevitabilmente appartiene. Proprio su questo prospera il lucroso mercato della salute.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Contro il mercato della salute

Recensione dell'utente  - claudio - IBS

L'Autrice è un affermato medico inglese in attività da oltre quarant'anni. Nel libro si scaglia contro il neoliberismo che ha portato la medicina a diventare un mercato, dove l'unica cosa importante è ... Leggi recensione completa

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni sull'autore (2016)

Iona Heath ha lavorato per trentacinque anni come medico di base presso il Caversham Group Practice di Kentish Town, nella zona di Camden, a Londra. Ha ricoperto ruoli di vertice all’interno di organismi del Royal College of General Practitioners (a capo dell’Health Inequalities Standing Group nel 1997-2003 e dell’International Committee nel 2006-09), prima di diventarne presidente (2009-12). Ha anche presieduto l’Ethics Committee del «British Medical Journal», rivista di prestigio mondiale di cui attualmente dirige il comitato scientifico. È autrice di vari saggi, tra cui The Mystery of General Practice (1996). Presso Bollati Boringhieri ha pubblicato Modi di morire (2008).

Informazioni bibliografiche