Diarium: 1483-1492

Copertina anteriore
E. Leroux, 1883
0 Recensioni
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 367 - un signore prudente ne debbe osservare la fede quando tale osservanzia gli torni contro e che sono spente le cagioni che la feciono promettere.
Pagina 152 - cogitatione, verbo et opere; mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa. Ideo precor beatam Mariam semper virginem, beatum Michaelem archangelum, beatum
Pagina 413 - sanctum, multiplica super nos misericordiam tuam, ut, te rectore, le duce, sic transeamus per bona temporalia et non amittamus eterna. Omnipotens sempiterne Deus in cujus manu sunt omnium potestates et omnium jura regnorum, réspice
Pagina 133 - di pagare alla Chiesa : affermando il Re, essergli stato rimesso da suoi predecessori, e che si doveva per il Regno di Napoli e di Sicilia. Queste erano le cagione publiche; ma le private,
Pagina 580 - de Paris, qui a esté et est la lumière de théologie et philosophie, et nourrice des grands Théologiens et Philosophes qui sont et qui se font tous les iours dans la
Pagina 576 - et à Anthoine Gimel pour la conduite de Sultan Zizim es Terres de l'Église. « Charles par la grâce de Dieu Roy de France : A nos amez et féaux
Pagina 550 - può conjecturare la MV che exceptandone epso maledetto, et uno baricello di sua natura, non si è sparso pure una goccia di sangue, cosa da non credere. Questa Comunità non se
Pagina 491 - mori il Magnifico Lorenzo di Piero di Cosimo dei Medici, a Careggi, d' età d' anni 44. non finiti, il quale era stato malato circa a mesi due d' una strana infermità, con grandissimi dolori di stomaco e di capo, che mai potettono i medici conoscere la sua malattia.
Pagina 491 - trafugato, perché certi famigli di Lorenzo 1' avevano voluto ammazzare, per sospetto che non avessi avvelenato Lorenzo, ma non se ne vedde segno alcuno
Pagina 399 - sont en garde contre les chartes qu'on leur présente, puisque indépendamment de celles que les faussaires modernes continuent de fabriquer, on a lieu de soupçonner qu'il subsiste un grand nombre de celles que leurs prédécesseurs ont forgées. « Notices et extraits des mss. du Roi, t. I, p.

Informazioni bibliografiche