Donne che amano la tecnologia: Da Ada Lovelace a Lisa Simpson

Copertina anteriore
Corriere della Sera - 50 pagine
«Quando eravamo piccoli a lui regalavano i videogame, a me le bambole» ha raccontato Randi Zuckerberg, sorella del più famoso Mark, fondatore di Facebook. Forse è uno dei motivi per cui nel XXI secolo da più parti si ritiene ancora che la tecnologia non sia «una cosa da donne». È uno stereotipo, certo ma duro a morire. In Europa solo nove sviluppatori su cento sono donne e in questo campo appena il 19 per cento dei manager è di sesso femminile contro il 45 in altri settori dei servizi. Anche nella fortunata Silicon Valley, teoricamente all’avanguardia dell’eguaglianza digitale, alcune storie di discriminazione hanno conquistato le pagine dei giornali. Ma non mancano le vicende di successo: Marissa Mayer a capo di Yahoo, Sheryl Sandberg direttore operativo di Facebook, Parisa Tabriz, responsabile di Chrome. E da noi Benedetta Arese Lucini, General Manager di Uber in Italia, Francesca Romano di Atooma, fra le startup italiane più apprezzate anche all’estero, Veronica Diquattro di Spotify, Laura Mirabella che ha seguito il debutto di Deezer in Italia, Elisa Finocchiaro di Change.org Italia... In queste pagine raccontano le loro esperienze e la loro via al successo, in una carrellata di testimonianze che ispira e conquista.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Informazioni sull'autore (2015)

Marta Serafini, giornalista del «Corriere della Sera», lavora a «Corriere.it». Scrive di tecnologia e di esteri e nel tempo libero ama leggere fumetti e giocare ai videogame. Ha scritto Il primo cittadino (Add editore).

Martina Pennisi, milanese, giornalista freelance e appassionata di nuove tecnologie e delle potenzialità offerte da Internet. Sempre online, spesso sul «Corriere della Sera».

Informazioni bibliografiche