Free party: technoanomia per delinquenza giovanile

Copertina anteriore
Meltemi, 2002 - 377 pagine
0 Recensioni
Google non verifica le recensioni, ma controlla e rimuove i contenuti falsi quando vengono identificati
Il movimento del free party rappresenta il chiaro avvento dell'età postmoderna. Il fenomeno di massa technolibertario nega ogni radice identitaria, è l'abolizione della memoria e la negazione del futuro, la danza della fine della storia, l'inizio di un "moyen age" stravolto, in cui la percezione del tempo è sradicata dalla sua linearità, facendo collassare il senso di tutti i vecchi paradigmi. Il libro presenta reportages, storie di vita, documenti raccolti dal 1985 a oggi su rave illegali, street parade, macchinazioni e teknival, sul territorio romano/italiano con richiami europei.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni bibliografiche