Giovanni Baronzio e la pittura a Rimini nel Trecento

Copertina anteriore
Daniele Ferrara
Silvana, 2008 - 143 pagine
0 Recensioni
Il volume è il catalogo della mostra di Roma (Palazzo Barberini, 14 marzo - 15 giugno 2008). La mostra offre l'opportunità di vedere riunite, dopo il restauro, le due parti conosciute di un grande dossale commissionato dai francescani a Giovanni Baronzio per la chiesa di Villa Verucchio, considerato uno dei massimi capolavori dell'epoca e che doveva, con la sua imponenza, celebrare i Malatesta, signori del luogo. Baronzio, attivo fra gli anni venti e gli anni cinquanta del XIV secolo, ha rappresentato, in questo dossale, la storia della Passione di Cristo, lasciandoci uno degli esempi più alti di "pittura narrante". A far da cornice e confronto al capolavoro riunito sono esposte, e riprodotte nel volume, opere di non minore importanza, come il foglio di Corale di Neri da Rimini datato 1300, le tavole di impronta giottesca di Giovanni da Rimini, o il dittico del Maestro di Verucchio. I saggi nel catalogo offrono un quadro accurato della situazione artistica assolutamente straordinaria che visse la Rimini del Trecento e che rappresenta uno dei momenti di snodo della storia dell'arte in Italia.

Dall'interno del libro

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Indice

Giuliano da Rimini e Giovanni Baronzio
13
Committenza nella Romagna pontificia di primo Trecento
37
La diaspora dei riminesi Il Trecento riminese fuori Rimini
69
Copyright

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche