Immagini della pagina
PDF
ePub
[merged small][merged small][merged small][ocr errors][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small]
[ocr errors][subsumed][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][merged small][ocr errors][ocr errors][merged small]

1.

IL VIAGGIO.

Monte Cristo proruppe in un grido di gioia vedendo josieme i due giovani. Ah! ah ! disse : ebbene! sarà tutto finito, chiarito, aggiustato, spero. Ma sì, rispose Beauchamp. Erano tutte voci assurde, che si spensero da sè, e che ora, se si rinnuvassero, mo'avrebbero per primo antagonista. Non se ne parli dunque più. Alberto vi dirà, ripigliò il conte, essere questo il consiglio ch'io gli diedi. Ma per cangiar discorso, voi mi vedete sul punto, di finire la più detestabile mattina che abbia mai passata, vorrei almeno supporlo.

Che state facendo ? dissc Alberlo; parmi che metliate le vostre carte in ordine. Le mie carte! la Dio mercè, no! nelle mie carte regna sempre un ordine maraviglioso, attesochè non ne ho ; Je carte del signor Cavalcanti. Del signor Cavalcanti? chiese Beauchamp. Eh sì! non sapete che è un giovibici protetto dal conte ? disse Morcerf. No, no, intendianioci bene, rispose Monte Cristo, io non proteggo pessuno, il siguor Cavalcanti poi meno di ogni altru. E che sposerà madamigella Danglars io mia vece, cosa che, coutinuò Alberto sforzandosi al sorriso, come potrete imaginarvelo, caro mio Beauchamp, m'affanna orribilmeute. Come! Cavalcanti sposa madamigella Danglars ? Ah diamine! ma venite dunque dalla luna ? disse Monte Cristo; voi, un giornalista, lo sposo della Fama! lu tutta Pirigi non si parla d'altro. E foste voi, conte, a conchiudere questo connubio? --- Io? oh! zitto, signor gazzettiere, non dite cose simili; io! buon Dio! conchiudere un matrimonio! No, non mi conoscete ancora ; mi sono anzi opposto cou tulte le forze, e ricusai di far la domanda.

Ah! capisco, in causa del comune amico nostro Alberto. - Per mia cagione ? disse il giovane; oh! nu, affè mia! Il coole mi farà giustizia attestando, ch'io anzi lu supplicai sempre di rompere siffatto progetto , buona ventura andò ora a vuoto. Il conte pretende non

che per

[graphic]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]
[ocr errors]

10
re lo
smatri

di
vista per dieci sari

?
ringraziamo ignoio.

pure : ergero, come gli un altare

to_1o Sentite, disse è vero non

sono io rötta col 12129SYO

c col giovine, c'èEu Se matrimonio, che vedendo a qual pento bio fussi

non ne pel

che questo matrimonio servi affezione. Que dite, e sol que se di concludunto di un buon Dios, ad

conosco il gioonta di

Blibrea Sou C

du 1926 me, queste cose semplici dicono. Lo dissi e Stidissi

volte al signor Danglars ; ilma ileglie troppo

del suo "Lucchese. Giunsi persino a partecipargli

circostanza delle più gravi per me: il giovide fu cambiato da bambino in culla, rapito da zio

dall'aid, non s6 bene. Ma quanto Pane Se

Fui inca ingin di serivere a maggiore de noto. Or bene! furono parole gel

per chiedere le carte le mando ar Toro destino, ma,

12. come Pilato me ne lave le mani. che madamigella d’Armilly , domando Beau

rapite l'alunna? Diamine ! non so davven 101, ene le

Sparmi ch'elle parta per
signora Danglars mi
impresarii,

failed io le diedi alcune righic pel direttore del teatro Valle

, il quale è mio obbligato. Ma che cosa vi cruccia dunque, Alberto ? avete un'aria triste; sareste forse, per caso,

150"iboamorato di madamigella

per quanto sappia, ria! "Alberto sorridendo mi lothar

nte . Beauchamp si reau

60 Ma insomma , mise a

quadre Vostro stato ordinario. SuvMonte Cristo, non via, che vi turba, ditemelo !! 109Ho l'emicrania. -Ebbene ! caro visconte,

te, in tal caso," vi proporrð un rimedio infallibile; rimedio che mi riuscp" bgni qualvolta provat qualche e viva contrarietà.

contrariet69 Ed & ? ? Un viaggetto.

e poichè in questo momento sono appunto arrabbiatissimo, mi dispongo a partire. Vorreste venir mcco?

Voi, conte, arrabbiato! entrò a dire Beaa

[ocr errors]
[ocr errors]
« IndietroContinua »