L'eredità di Leonardo: Il genio che reinventò il mondo

Copertina anteriore
Bollati Boringhieri - 295 pagine
1 Recensione
Leonardo è stato a tutti gli effetti il primo visionario della storia, ha inventato un nuovo modo di pensare e ha rivoluzionato ogni campo della conoscenza a cui si è applicato. Progettò i primi automi funzionanti, immaginò i computer digitali, affrontò i primi studi accurati di anatomia, inventò le prime macchine volanti, rivoluzionò l’ingegneria militare. Noi celebriamo giustamente Leonardo come il pittore che ha rivoluzionato l’arte del Rinascimento, l’artista del Cenacolo e della Gioconda, ma in realtà i suoi contemporanei lodavano e corteggiavano in lui più l’ingegnere, l’architetto, l’inventore di marchingegni terribili e portentosi, colui che impersonava una nuova era grazie alle sue scoperte meravigliose. Stefan Klein, sulla base delle testimonianze più autorevoli e di una lettura attenta dei suoi scritti, entra con prosa avvincente nei dettagli della sua vita di uomo e di scienziato infiammato dal desiderio di conoscenza. Se c’è un personaggio storico che merita di essere definito «genio universale», nessun dubbio che esso sia Leonardo da Vinci, semplicemente un gigante.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

L' eredità di Leonardo. Il genio che reinventò il mondo

Recensione dell'utente  - gianni - IBS

Una lettura piacevole che svela e spiega alcuni aspetti della ricerca di Leonardo. Ne emerge il ritratto di un anticipatore dello spirito scientifico, dell'atteggiamento antimetafisico e illuminista, e perfino di una sorta di materialismo quasi presocratico. Interessante. Leggi recensione completa

Pagine selezionate

Indice

Sezione 1
Sezione 2
Sezione 3
Sezione 4
Sezione 5
Sezione 6
Sezione 7
Sezione 8
Sezione 12
Sezione 13
Sezione 14
Sezione 15
Sezione 16
Sezione 17
Sezione 18
Sezione 19

Sezione 9
Sezione 10
Sezione 11
Sezione 20
Sezione 21
Copyright

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni sull'autore (2014)

Stefan Klein, nato nel 1965 a Monaco di Baviera, ha studiato Fisica e Filosofia a Monaco e a Grenoble, e ha conseguito la laurea in Biofisica a Friburgo. Redattore scientifico allo «Spiegel» dal 1996 al 1999, nel 1998 ha ricevuto il premio Georg von Holtzbrinck per il giornalismo scientifico. Con La formula della felicità (2003), tradotto in 25 lingue, ha raggiunto il successo internazionale. Oggi si dedica a tempo pieno alla scrittura e alla divulgazione. Presso Bollati Boringhieri sono apparsi: L'eredità di Leonardo. Il genio che reinventò il mondo (2014), Il tempo. La sostanza di cui è fatta la vita (2015) e I sogni. Viaggio nella nostra realtà interiore (2016).

Informazioni bibliografiche