L'invenzione del regno: dalla conquista normanna alla fondazione del Regnum Siciliae (1061-1154)

Copertina anteriore
Nuova Ipsa, 2009 - 196 pagine
Nel 1061 inizia la conquista normanna della Sicilia; gli Arabi, che per oltre due secoli ne sono stati padroni, vengono progressivamente travolti dalla superiore tecnica militare dei cavalieri di Roberto e Ruggero d'Altavilla. La crociata normanna, perché come tale è stata indicata, riporta l'Isola nell'alveo occidentale e la restituisce al cristianesimo ma, soprattutto, fa della Sicilia un luogo centrale nello scacchiere geopolitico mediterraneo. Il volume, che si avvale di fonti originali e che sottopone a critica la lettura offerta dalla storiografia corrente troppo spesso condizionata da pregiudizi di natura ideologica, si avvale di una cifra di scrittura leggera che rende facile la lettura dei fatti e le analisi scientifiche anche le più raffinate.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

E' triste non trovare una recensione per un libro del genere, uscito già nel 2009! Forse un domani quando qualche grande regista riuscirà a fare un film degno di queste figure leggeremo il libro! Forse oggi potremmo anche capire l'europa legendo un po' di storia. Questo libro in sintesi pone le basi a Federico II aiuta a capire la costruzione del regno delle due sicilie.L'importanza che successivamente con lo stupor mundi assunse in tutta l'europa che fu in realta unita con Federico II. I sacrifici dei suoi antenati per la conquista del regno dell'isola spiegano l'unificazione con ramificazioni impressionanti ed inaspetate in tutta l'europa dell'impero germanico con la francia o meglio dalla zona della nordmandia da dove discendevano i nord manner, o meglio normanni. Detti uomini del nord perchè probabilmente derivavano molto grossolanamente da popoli vikinghi erranti.Che dire..La noblesse germanica vikinga era già in sicilia del 1200! Non parliamo di unni e visigoti popolo di transumansa venuti dalle steppe!
Insomma leggetevi il libro è bellissimo..
 

Informazioni bibliografiche