La città infinita

Copertina anteriore
Aldo Bonomi, Alberto Abruzzese
B. Mondadori, 2004 - 319 pagine
Questo libro mette in scena la ricerca sociale su un mondo, la città infinita, che altro non è che la metafora dell'ipermodernità e dello spaesamento del vivere e del produrre in Lombardia. Racconta del nostro andare in quel territorio ove siamo un po' tutti "nomadi e prigionieri" alla ricerca di ciò che non è più, la comunità originaria, e di ciò che non è ancora, la città infinita.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni bibliografiche