Nati per comprare. Salviamo i nostri figli, ostaggi della pubblicità

Copertina anteriore
Apogeo Editore, 2005 - 291 pagine
La pubblicità rivolta ai bambini e ai ragazzi è ovunque (TV, radio, Internet, cinema, libri, ecc.). Il marketing ha creato una generazione di "bambini commercializzati", spronati al continuo acquisto (o desiderio) di prodotti non necessari e spesso dannosi al loro equilibrio fisico e/o psicologico: ci riferiamo qui ai video pronografici, al cibo-spazzatura, ai videogiochi violenti, ma anche a tutto ciò che rappresenta comunque un impoverimento della fantasia e della creatività infantili. Non sono i bambini problematici ad abbracciare il consumismo, ma è il consumismo a creare problemi ai bambini. Come reagire a questa forma di violenza?
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Sommario

Nota dellautore
1
Capitolo 2
21
Capitolo 3
43
Capitolo 4
79
Capitolo 5
97
Capitolo 6
113
Capitolo 7
135
Capitolo 8
161
Capitolo 9
195
Capitolo 10
209
Dati
235
Note
243
Bibliografia
273
Copyright

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche