Parlamento zona franca: le Camere e lo scudo dell'autodichia

Copertina anteriore
Rubbettino, 2013 - 141 pagine
0 Recensioni
In ogni ambito - dal bilancio dei gruppi parlamentari alla sicurezza del lavoro, dalla gestione del patrimonio immobiliare, alla materia appaltistica - il Parlamento ricorre all'alibi dell'autodichia per sottrarsi ai rigori della legge esterna; quella stessa legge che invece vale per ogni altra pubblica amministrazione e, soprattutto, per ogni cittadino. Siamo dunque al paradosso: nel luogo dove avviene il processo di formazione delle leggi, occorre ottenere il "permesso" di venti persone (i componenti degli Uffici di Presidenza) per dare accesso alla legge nell'ambito della presunta "autonomia costituzionale" della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica. Finché le immunità parlamentari verranno impropriamente invocate a tutela di quegli ambiti che esulano dalla funzione tipica delle Camere e che sono invece propri di qualsiasi altro organo o pubblica amministrazione, il Parlamento continuerà ad essere una zona franca sottratta alla grande regola dello Stato di Diritto.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Informazioni bibliografiche