Parlare non basta. L'importanza del contatto fisico e della vicinanza nelle relazioni di cura

Copertina anteriore
EDT, 1992 - 184 pagine
0 Recensioni
Google non verifica le recensioni, ma controlla e rimuove i contenuti falsi quando vengono identificati
Il rapporto medico-paziente Ŕ oggi prevalentemente dominato dagli aspetti "tecnici", mediato da sofisticate apparecchiature ed espresso da radiografie, grafici, referti. Eppure, la necessitÓ del contatto fisico Ŕ ormai riconosciuta nel mondo della medicina: i bambini toccati con affetto crescono meglio di quelli toccati solo per ragioni professionali; i malati gravi, anche quelli in coma, reagiscono talvolta al contatto fisico pi¨ che alla somministrazione di farmaci. L'autore raccoglie qui i risultati di numerosi e frammentari studi in materia presentandosi al lettore con un linguaggio semplice e una molteplicitÓ di testimonianze, indagini, ricerche. Rivolto agli operatori sociali, al mondo del volontariato non meno che a medici e infermieri, questo libro costituisce un'utile guida anche nelle relazioni sociali: fornisce infatti preziose indicazioni per superare quei momenti di imbarazzo, ansia e angoscia che diffusamente si presentano nella vita quotidiana. (dalla quarta di copertina).

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Informazioni bibliografiche