Questa volta è diverso. Otto secoli di follia finanziaria

Copertina anteriore
Il Saggiatore, 2010 - 426 pagine
Nel corso della Storia, paesi ricchi e paesi poveri hanno contratto debiti e crediti, hanno subito tracolli e vissuto momenti di ripresa, lungo una sequenza straordinaria di crisi finanziarie. Gli esperti e i politici hanno sempre proclamato "questa volta è diverso", affermando che la nuova situazione avesse poco a che fare con i disastri del passato. Questo libro è la dimostrazione che quello che dicono è sbagliato. Passando al vaglio sessantasei paesi appartenenti ai cinque continenti, "Questa volta è diverso" rappresenta uno sguardo comprensivo e accessibile alla varietà delle crisi finanziarie e ci guida attraverso otto folli secoli di panico bancario, default e inflazione, dalla svalutazione della moneta nel Medioevo alla catastrofe attuale. Carmen M. Reinhart e Kenneth S. Rogoff, prestigiosi economisti che con le loro ricerche hanno influenzato il dibattito politico e scientifico legato alla crisi d'inizio millennio, sostengono che le crisi sono riti di passaggio sia per i mercati emergenti, sia per quelli consolidati. E traggono importanti lezioni dalla Storia per mostrare quanto abbiamo imparato. Con analisi persuasive e messe di dati inoppugnabili, Reinhart e Rogoff dimostrano come i tracolli dei vari paesi colpiscano all'unisono con straordinaria frequenza, durata e ferocia. Esaminano le caratteristiche delle cadute delle monete, l'inflazione e l'inadempienza delle nazioni nei confronti dei debiti internazionali.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Il libro è il prodotto di due sicari dell'economia, è zeppo di dati sbagliati, manipolato o omessi con il preciso intento di dimostrare che un alto rapporto debito pubblico/Pil incide negativamente sulla crescita. Tre ricercatori dell’Università del Massachusetts-Amherst, Herndon-Ash-Pollin, hanno scoperto che i calcoli fatti con Excel da Carmen M. Reinhart, Kenneth S. Rogoff erano…sbagliati! Olè! Non esiste una correlazione tra crescita e rapporto debito pubblico/PIL.
Gli autori sono quindi dei falsari al servizio delle lobby finanziarie e dei poteri forti per giustificare le criminali politiche di Austerità che stanno distruggendo la vita di milioni di persone.
 

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Inleggibile
Non si possono allargare i caratteri, ne modificare i font, sembra una scansione di cattiva qualità...come si fa a commercializzare lavori fatti tanto male?

Indice

I
13
II
23
III
29
IV
31
V
49
VI
62
VII
75
VIII
77
XIV
151
XV
161
XVI
163
XVII
194
XVIII
200
XIX
217
XX
221
XXI
240

IX
93
X
110
XI
125
XII
127
XIII
142
XXII
257
XXIII
264
XXIV
291
XXV
293
Copyright

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche