Saggio su Pan

Copertina anteriore
Adelphi Edizioni spa - 137 pagine
1 Recensione
Chi è Pan? E chi sono gli dèi della Grecia? Tutta la cultura moderna – basta pensare a Hölderlin e a Nietzsche – è stata traversata dal desiderio di un ‘ritorno alla Grecia’ di cui qui Hillman ci aiuta a riscoprire le motivazioni profonde e la tortuosa storia. L’immenso lavorio degli studi sull’antichità classica negli ultimi due secoli è andato di pari passo con l’erosione di quel modello monocentrico di cultura che ci ha trasmesso la tradizione giudeo-cristiana. Così la ricerca della Grecia si è collegata con la riscoperta di un modello policentrico, dove i nuclei sono i vari dèi. E quei nuclei vivono ancora in noi. Poggiando sulle tesi di Jung, ma spingendole alle loro conseguenze più radicali, Hillman ci mostra come l’immagine di Pan continua a manifestarsi nella nostra esperienza, dietro le maschere della psicopatologia. Il panico, lo stupro, la masturbazione, l’incubo, la malia delle ninfe, la sincronicità – sono tutti fatti oscuri che in qualche modo si rivelano governati dal potere di Pan, e grazie a esso possono acquistare senso, invece di continuare ad agire ciecamente. Ma perché il dio possa operare in noi, perché il dio che rende pazzi possa anche guarire la nostra follia, bisogna che ritroviamo ciò che qui Hillman, sulla scia di Corbin, chiama "l’immaginale", un livello di percezione e di esperienza delle immagini a cui la nostra storia ha tentato in ogni modo di impedire l’accesso. Scritto con felice piglio polemico, questo saggio, che rivendica «una regressione che sia peculiarmente ‘greca’» e ne argomenta lucidamente le ragioni, ci introduce subito nel cuore dell’opera di uno degli psicoanalisti che più hanno fatto in questi anni per criticare rigorosamente dall’interno la psicoanalisi e la sua storia.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

«“Poetare-è-pensare”». D’evento spazio vuoto nulla salvezza dell’esserci «L’essenza della scienza»nulla essere ontologox dell’esserEsserci già. D’EvEntO RAdura’estasi dà là vuota già Ormai solo un dio ci può salvare oltre la metafisica crea’esserci’esserne”D’è«già Gestell»al di là della storia della metafisica. È! È vuoto. È dio ci salva! È. È creatrix! È crea l’evento dell’Essere in quanto tale, e dunque della sua determinazione eventuale in quanto volontà, Evento?appropriazione della storia dell’Essere.Essere eventua Evento della storia dell’Essere. Gestell vi è: è la fine della filosofia«scienza»Gestell’evento È già Gestell’evento È verità dell’Essere’evento. NIHIL già Oltre già“oltre”estatico già è di per sé’essere già catastrofessere..nihil-est-sine-fondamenta.... 

Pagine selezionate

Indice

Sezione 1
Sezione 2
Sezione 3
Sezione 4
Sezione 5
Sezione 6
Sezione 7
Sezione 8
Sezione 9
Sezione 10
Sezione 11
Sezione 12
Copyright

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche