Vita activa: La condizione umana

Copertina anteriore
Bompiani - 320 pagine
Nelle condizioni di benessere economico e pace civile che ne è della libertà politica? Qual è lo spazio consentito a un agire politico che non sia solo angusta difesa degli interessi materiali o rituale comportamento elettorale? Domande fondamentali che l’autrice ha posto in questo libro divenuto ormai un classico della filosofia del pensiero politico. Spregiudicata analisi della società di massa, accorata denuncia della condizione dell’uomo contemporaneo condannato a una sostanziale solitudine. La Arendt anticipa la critica ecologica e denuncia un grave pericolo: l’“espropiazione del mondo” da parte dell’uomo moderno, prima corrode lo spazio politico e poi minaccia il cosmo naturale.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Vita activa

Recensione dell'utente  - Stella Alpina - IBS

In quest'opera Hannah Arendt ritiene che a partire dall'età pre-moderna l'azione, intesa come praxis, come capacità degli uomini di mettere in moto qualcosa, di essere cioè degli "iniziatori" che si ... Leggi recensione completa

Vita activa

Recensione dell'utente  - remo appignanesi - IBS

Una società che sta per liberbarsi dal lavoro non ormai che composta che da lavoratori. Splendito il capitolo sul perdono. Libro di riferimento. Leggi recensione completa

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni bibliografiche