Vocabolario friulano

Copertina anteriore
Antonelli, 1871 - 710 pagine
1 Recensione
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Era da tanto che aspettavo questo nuovo inserimento in GoogleBooks - Finalmente!
Al ere di tant c'o spietavi che ancje Pirona al fos tal GoogleBooks
Finalmentri

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Brani popolari

Pagina 203 - Mensola o peduccio che si pone per sostegno sotto i capi delle travi fitte nel muro e sotto i terrazzini ; ed anche Quella mensolelta che s'inchioda sulle abelelle(c<uilir) de
Pagina 235 - ... erat res in pécore et locorum possessionibus, ex quo pecuniosi et locupletes vocabantur) , non vi et suppliciis coercebat.
Pagina 473 - DA TIRARE. Chiamano così certi ferri variamente ripiegati , imperniati nel muro , specialmente negli angoli delle stanze , e da per tutto dove la corda ha da cambiar direzione per arrivare al campanello, tnlora lontano, cui è legala.
Pagina 15 - Balocco che si fa con carta sopra cannucce o stecche , il quale viene mandato in aria quando spira un poco di vento, allentando lo spago cui è raccomandato , e che si tiene in mano per riaverlo a piacere.
Pagina 389 - Soletla : cuojo soltile che si sovrappone al suolo della scarpa internamente, quando questa non ha anima, e che poi si ricopre col soppanno (Podre).
Pagina 247 - Strumento di bronzo o di ferro, fatto a foggia di un piccolo mortajo , che si carica con polvere e che si spara in occasione di solennità , e d
Pagina 187 - Imperocchè dicesi gorga e gorgo il luogo dove l'acqua che corre è in parte ritenuta da checchessia, e rigira per trovare esito; ed anco quel sito dove l'acqua abbia maggior profondità, ovvero un ricettacolo profondo d'acqua stagnante.
Pagina 230 - Esca, quella materia che si tiene sopra la pietra focaja, perché vi s' appicchi il fuoco che se ne cava col fucile; la qual materia si fa con un fungo arboreo appellato collo stesso nome.
Pagina 446 - Guardomano, striscia di pelle che fascia la palma e il dorso della mano, a riparo di essa nello stringer fortemente i punti fatti collo spago.
Pagina 276 - Arrivabene per il mantovano (p. 172: casoela "assicella tenuta da cordicelle alquanto inclinata e sospesa sotto alla bocchetta della tramoggia per ricevere il grano che ne cade e versarlo a poco a poco nella macina pel foro del coperchio"), e vive inoltre in Sicilia (kattsfU ecc.

Informazioni bibliografiche