Il museo sensoriale: L’accessibilità culturale e l’educazione artistica ed estetica per le persone con minorazione visiva nei musei del comune di Roma

Copertina anteriore
Sapienza Università Editrice, 29 lug 2020 - 284 pagine
1 Recensione
Google non verifica le recensioni, ma controlla e rimuove i contenuti falsi quando vengono identificati

La presente ricerca ha come obiettivo l’esplorazione dei servizi accessibili per i non vedenti e ipovedenti nei musei, attraverso l’utilizzo di strumenti costruiti ad hoc. La tesi si suddivide in due parti: la prima ha un assetto teorico; la seconda presenta la metodologia applicata e i risultati ottenuti nella ricerca attraverso lo studio di “casi multiplo”. Per ogni museo è stata elaborata una scheda descrittiva e sono stati utilizzati i seguenti strumenti di indagine: intervista per i responsabili, scheda di osservazione con diario in diretta per le visite e questionario di gradimento per gli utenti. Grazie al Manifesto della cultura accessibile a tutti sono stati definiti cinque “indicatori” per rilevare l’accessibilità culturale nei musei. Lo studio desidera contribuire alla definizione di linee guida comuni per la progettazione dei servizi educativi e può rappresentare un punto di partenza per educatori, formatori, volontari o altri operatori, interessati ad approfondire la tematica dell’educazione estetica ed artistica per non vedenti e ipovedenti.


Tesi vincitrice del Premio 2019 Sapienza Università di Roma per tesi finale di Dottorato di ricerca o tesi di Specializzazione sul tema della disabilità

 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Google non verifica le recensioni, ma controlla e rimuove i contenuti falsi quando vengono identificati
Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Ho scorso il testo per un breve articolo che stavo scrivendo sul tema della accessibilità al patrimonio culturale. L'ho trovato ricco di riferimenti alle normativa di settore, nazionale e internazionale, al percorso delle istituzioni pubbliche e ad alcune esperienze condotte nei musei dalle istituzioni culturali pubbliche e private. Interessante la ricerca al riguardo su alcuni musei.
Molto curato il tema delle disabilità di vedenti e ipovedenti, come era nelle finalità iniziali .
Limitato il riferimento ad altre disabilità sensoriali e cognitive, che pure richiedono attenzione nell'offerta culturale: sono temi che potrebbero trovare spazio in un successivo aggiornamento, anche legato all'uso delle nuove tecnologie. Resta comunque un'ottima e utile ricerca .
Maria Grazia
 

Parole e frasi comuni

Informazioni sull'autore (2020)

Viola Tiberti ha esperienza nel campo dei servizi educativi e in attività di volontariato. Nel 2011 si laurea in “Scienze dell’educazione e della formazione” con una tesi in Didattica museale e inclusione sociale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Nel 2015 consegue la Laurea magistrale in “Coordinatore dei servizi educativi e dei servizi sociali” con una tesi in educazione ambientale e sostenibile presso l’Università degli Studi Roma Tre. Nel 2018 conclude il percorso con il Dottorato di ricerca in “Psicologia dello sviluppo e ricerca educativa” presso “La Sapienza” con la tesi presentata in questo volume. Durante il percorso formativo approfondisce l’interesse per lo studio della pedagogia sociale e per la ricerca sul rapporto tra arte, formazione e fruizione nei soggetti a rischio di esclusione sociale.

Informazioni bibliografiche