I Cannoni di Venezia. Artiglierie della Serenissima da fortezze e relitti

Copertina anteriore
All’Insegna del Giglio, 1 gen 2014 - 440 pagine

 Dal XV secolo, i fiorenti commerci e l’efficace sistema di controllo dei domini della Serenissima Repubblica di Venezia hanno potuto contare su una forza militare straordinaria costituita da una potente flotta, prima di galee e poi di vascelli, armata con quelle che probabilmente erano tra le migliori artiglierie prodotte in Europa. Il libro raccoglie la catalogazione completa, e riccamente illustrata, di 183 pezzi di artiglieria, tra armi in ferro battuto, in bronzo ed in ferro fuso, conservati in Turchia, Grecia, Croazia ed Albania provenienti da musei, fortezze veneziane e relitti di navi militari e commerciali che, anche grazie a documenti d’archivio, per la prima volta permettono di ricostruire la storia della loro produzione, i nomi e l’attività dei loro fonditori, le modalità del loro impiego strategico e le magistrature preposte alla loro gestione.

 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Indice

Presentazione Kelly DeVries
7
Luoghi della produzione tecniche fusorie e fonditori a Venezia Marco Morin
29
Localizzazione provenienza e condizioni dei pezzi veneziani Carlo Beltrame
49
Tiburzio Bailo e il passaggio alla produzione di artiglierie in ferro Guido Candiani
63
Nomenclatura della bocca da fuoco ad avancarica per i secoli XVIXVII Renato Gianni Ridella
429
Copyright

Parole e frasi comuni

Informazioni sull'autore (2014)

 

Informazioni bibliografiche