Changing Lands in Changing Memories. Migration and Identity during the Lombard Invasion (Premio Ottone d'Assia 2002)

Copertina anteriore
All’Insegna del Giglio, 1 mar 2005 - 187 pagine

I cimiteri longobardi utilizzati come fonti preziose di informazione sul passato, e in particolare sull’uso simbolico della cultura materiale. Alla luce delle più recenti teorie sull’archeologia funeraria e dell’etnicità, l’autrice indaga nel dettaglio alcuni contesti funerari di ambito longobardo in Ungheria (Hagiko, Szentendte, Tamasi) e nel Friuli (Cividale, Liariis, Romans d’Isonzo), dove i Longobardi migrarono nel 568. I risultati dell’indagine permettono di avanzare interessanti ipotesi sull’evoluzione delle pratiche funerarie e sul loro significato ideologico e sociale.

 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Indice

Introduction
5
The cemetery of Szentendre
33
The cemetery of Tamási
59
The cemetery of S Stefano Cividale
75
The cemetery of Liariis
91
changing burial rites
123
the Lombards
143
Appendix
157
Bibliography
173
Copyright

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche