Tecniche murarie e cantieri del romanico nell'Italia settentrionale. Atti del Convegno (Trento, 25-26 ottobre 2012)

Copertina anteriore
Gian Pietro Brogiolo, Giorgia Gentilini
All’Insegna del Giglio, 12 set 2013 - 120 pagine

estratto dal numero XVII della rivista «Archeologia dell'Architettura»

Raccoglie gli atti di un seminario che si è tenuto a Trento nell’ottobre del 2012, dedicato a “Tecniche costruttive e cantieri del romanico in Italia settentrionale”. Un tema, questo, spesso dibattuto, ma che non ha ancora trovato una soddisfacente sistemazione storiografica, sia per quanto riguarda la fase di incubazione in età ottoniana, debitrice della tradizione bizantina e carolingia, sia per le diverse tendenze che si manifestano nel corso dell’XI secolo. La sua evoluzione è infatti complessa, in relazione al particolarismo della committenza aristocratica in Italia settentrionale e alle influenze delle architetture sviluppatesi in altre regioni dell’Europa occidentale. La discussione critica, anche in questo caso, deve ripartire da uno studio analitico delle stratigrafie murarie e delle tecniche costruttive, sulle quali ci si sofferma in sette contributi.

 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Indice

G GENTILINI I ZAMBONI Considerazioni preliminari per lo studio
32
un problema aperto
55
G P BROGIoLo Architetture in pietra lungo lAdige tra X e XI secolo
80
A CROSETTO Tecniche murarie e cantieri del romanico in Piemonte
111

Parole e frasi comuni

Informazioni sull'autore (2013)

 

Informazioni bibliografiche