Il mosaico ritrovato. Indagini archeologiche a Savignano sul Panaro

Copertina anteriore
Donato Labate, Luca Mercuri, Silvia Pellegrini
All’Insegna del Giglio, 1 feb 2013 - 88 pagine

Il volume presenta l’importante scoperta archeologica dei pavimenti musivi di Savignano sul Panaro, avvenuta “quasi” per caso a seguito di lavori pubblici stradali. La scoperta era avvenuta già alla fine del secolo XIX con gli scavi del Crespellani, ma le pavimentazioni mosaicate furono reinterrate, lasciando però una preziosa documentazione rappresentata da una serie di acquerelli riproducenti i mosaici. Lo scavo attuale ha inizio nel 2010 e ha visto ritornare alla luce i mosaici di età romana, datati al IV secolo. Le esigenze di tutela sono state abbinate ad un’efficace attività di valorizzazione attraverso il distacco dei mosaici, il loro restauro e musealizzazione; tutto questo è stato possibile grazie alla disponibilità della Provincia di Modena, una delle primissime province che è riuscita a dotarsi di una Carta Archeologica come strumento di prevenzione e tutela del territorio. I contributi all’interno del volume approfondiscono lo studio del territorio di Mutina/Modena romana e tratteggiano un quadro quanto più possibile vasto della società che produsse e utilizzò i mosaici. Seguono testi più tecnici, concernenti le operazioni di distacco, restauro e di esposizione.

 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Indice

unindagine archeologica sospesa
13
le scoperte di Arsenio Crespellani
47
Distacco restauro e ricollocazione del mosaico nella sede espositiva Ugo Capriani
67
Copyright

Parole e frasi comuni

Informazioni sull'autore (2013)

 

Informazioni bibliografiche