Piombino. La chiesa di Sant'Antimo sopra i canali. Ceramiche e architetture per la lettura archeologica di un abitato medievale e del suo porto

Copertina anteriore
Graziella Berti, Giovanna Bianchi
All’Insegna del Giglio, 1 ott 2007 - 412 pagine

Il fortuito ed eccezionale ritrovamento nell’estate 2003, al di sopra della volta absidale della chiesa di Sant’Antimo, di 680 forme ceramiche ha rappresentato l’occasione per avviare, in contemporanea al loro recupero, lo studio dell’intero complesso monumentale, al tempo in corso di restauro per la realizzazione di appartamenti privati. I nuovi ed importanti dati desunti dalla ricerca sul complesso religioso, edificato nel primo cinquantennio del XIII secolo, hanno reso possibile l’approfondimento e l’ampliamento delle conoscenze sulla storia di Piombino, importante scalo marittimo nel Medioevo e della Val di Cornia. Ciò ha consentito di tracciare nuovi scenari storici all’interno dell’importante fase di indebolimento delle locali signorie, dello sviluppo degli organismi comunali e della tessitura di complesse politiche di controllo di Pisa in questo territorio nel Basso Medioevo.

 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Sommario

PREMESSA di Giovanna Bianchi
11
172
37
181
55
ANALISI ARCHEOMETRICHE IN SEZIONE SOTTILE DI ALCUNI REPERTI
297
APPENDICE Catalogo degli impasti delle ceramiche grezze prive di rivestimento
312
ANALISI DEI RESIDUI ORGANICI ASSORBITI NELLE CERAMICHE
327
Copyright

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche