L'identità umana

Copertina anteriore
L'Asino d'oro edizioni, 2010 - 191 pagine
Qual è il significato dell'identità? Perché ha senso parlarne oggi? Nel XXI secolo il termine identità, slegato dall'aggettivo qualificativo umana, ha assunto il solo significato di appartenenza (religiosa, etnica o nazionale) ed è divenuto sinonimo di violenza. Risultato che sconta i limiti di una concezione, immutata da millenni, per la quale l'umanità sarebbe fondata sulla ragione e sulla religione, per sempre "identica" a se stessa, eterna e immutabile. Un paradigma che non consente di comprendere la trasformazione degli esseri umani nel tempo, né di comporre l'uguaglianza di tutti con la diversità che li caratterizza, e non riesce quindi ad opporsi ai continui rigurgiti di razzismo e xenofobia che emergono quando il "diverso" da noi si fa più vicino. Questo volume ripercorre, con un metodo lontano dai luoghi comuni, le tappe antichissime che hanno condotto a quella concezione nella filosofia greca, mostrando che essa può essere invece rivista e affrontata di nuovo, su basi nuove. Un contributo prezioso per un progetto non più eludibile nell'era globale: la possibilità per tutti di vivere insieme in un mondo comune, rifiutando la violenza per la diversità. Perché il diverso è in primo luogo, e indiscutibilmente, un essere umano uguale a noi.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Per comprendere le tante guerre che oggi attraversano i nostri confini, visibili e invisibili, diventa necessario interrogarsi su cosa sia stata, cosa sia e cosa potrebbe essere l'identità umana.
Un
importante viaggio di ricerca, in cui il libro di Livia Profeti è sicuramente un intelligente e sensibile mentore. 

Indice

Sezione 1
7
Sezione 2
9
Sezione 3
15
Sezione 4
25
Sezione 5
63
Sezione 6
97
Sezione 7
155
Copyright

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche