Monet. Il trionfo dell'impressionismo

Copertina anteriore
Taschen, 2022 - 588 pagine
Nessun altro artista, a parte William Turner, si Ŕ sforzato tanto quanto Claude Monet (1840-1926) di rappresentare efficacemente la luce stessa sulla tela. Tra tutti gli impressionisti, fu l'uomo di cui CÚzanne disse "non Ŕ che un occhio, ma buon Dio che occhio!" a tener fede al principio di assoluta fedeltÓ alla percezione visiva, dipingendo direttamente dal vero. Si potrebbe dire che Monet abbia reinventato le possibilitÓ del colore. Che sia stato dovuto all'iniziale interesse per le stampe giapponesi, al periodo trascorso come soldato di leva al sole accecante dell'Algeria o alla personale conoscenza dei pi¨ importanti pittori del tardo XIX secolo, la produzione di Monet nel corso della sua lunga vita avrebbe cambiato per sempre il nostro modo di percepire il mondo naturale come pure i fenomeni che vi hanno luogo. Il culmine della sua ricerca Ŕ rappresentato dalle ultime ninfee, dipinte nel giardino di Giverny, che - abbandonando quasi completamente ogni costrizione formale - segnano davvero l'origine della pittura astratta. Oltre a rendere piena giustizia a un artista di eccezionale talento ed enorme influenza, questa biografia Ŕ corredata di numerose riproduzioni e foto d'archivio come pure di testi arguti e circostanziati.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni bibliografiche