Mi chiamano B. B.

Copertina anteriore
Bompiani, 1997 - 672 pagine
In questa opera B.B. ci parla della sua vita sorprendente e fuori da ogni schema consolidato: l'amore per il cinema, i mariti, gli amanti, il gusto della trasgressione, il sesso e il femminismo, le idee politiche, la grande battaglia animalista, l'amicizia con il leader di destra Le Pen... E anche il curioso di cinema e dei suoi retroscena avrà modo, leggendo il libro di avere sotto gli occhi il panorama completo dell'attività professionale della Bardot. e si toccano, come l'acqua, il vino, il pane e le guarigioni: queste pagine insegnano ad accostarsi al messaggio di Cristo partendo dal livello quotidiano della simbologia giovannea. per svelare i meccanismi che fanno funzionare il motore della comunicazione.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Recensione dell'utente - Segnala come inappropriato

Indubbiamente pronunciare il nome di Brigitte Bardot tutt’oggi chiama alla mente la figura di una donna incantevole e allo stesso tempo ribelle, scatenata. La donna dai mille amori. Un’autentica attrice il qual soggetto da sex symbol è stato mal impegnato, eppure quel suo modo di trasgredire probabilmente fu ciò che gli permise di essere onorata dalla “Legion d'onore” francese.
In questo libro, “Mi chiamo B.B. ”, la Bardot si racconta senza celarsi di alcunché, e nella medesima biografia è rappresentata come la donna che in tutto il mondo fece sognare milioni di uomini: narra apertamente la propria incantevole vita, fuori da ogni schema consolidato così rendendo al lettore la chiara idea che lei non è stata parte del classico copione di un film già visto. Da persona esplicita che è, rende evidente l'amore per il cinema e i retroscena dello stesso; gli amanti e i suoi mariti; il gusto della trasgressione che l’ha caratterizzata; il sesso e il femminismo che di quell’epoca ne hanno fatto tendenza e moda; una divergenza della propria vita professionale che riguarda amicizie e idee politiche. E per concludere, cosa che intraprese ancor prima di ritirarsi dallo schermo televisivo, una grande battaglia animalista che ai suoi ottanta anni continua a supportare.
Freestyle write, Giuseppe Sirugo.
 

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni bibliografiche