Il mio Ali

Copertina anteriore
Rizzoli - 448 pagine
Questo libro raccoglie gli articoli scritti da Gianni MinÓ su Cassius Clay-Muhammad Ali dal 5 marzo 1971 ad oggi. MinÓ, per il Tg2 della Rai, seguiva, dall’inizio degli anni ’70, l’avventura umana e sportiva del “mito americano con la faccia nera”, il pi¨ prestigioso pugile del secolo appena trascorso. Una sorta di diario accompagnato dagli articoli, dettati “a braccio” nella notte, da Los Angeles o da Las Vegas, da Kinshasa o da Manila, al Corriere dello Sport e poi anche a la Repubblica e altri giornali. Queste cronache delle sfide pugilistiche di The Greatest con Frazier, Norton e Foreman caratterizzavano gli Stati Uniti di quegli anni, quelli del riscatto degli afroamericani, di Malcolm X, di Martin Luther King, delle conquiste de “l’altra America”, l’America che lottava per l’affermazione dei “diritti civili”. Cassius Clay, che per abbracciare la fede musulmana aveva cambiato il suo nome in Muhammad Ali, non solo fu al centro di questi eventi sportivi e sociali, ma ne fu in molti momenti uno dei protagonisti. Da allora fino a tempi pi¨ recenti quando, nel 1991, si impegn˛ perfino per la liberazione di alcuni cittadini nordamericani sequestrati in Iraq da Saddam Hussein. L’idea di questo viaggio, nei ricordi di quell’epoca professionale di MinÓ, Ŕ nata quasi casualmente dalla curiositÓ di sua moglie Loredana che, mettendo in ordine alcuni passaggi dello sterminato archivio cartaceo del giornalista, si Ŕ imbattuta in alcune cronache delle imprese del campione di Louisville e ne ha scoperto il fascino, segnalandolo acutamente nella postfazione. Per capire il fenomeno Ŕ sufficiente considerare che, dopo il suo rifiuto, negli anni ’60, di andare a fare la guerra in Vietnam, Ŕ stata cambiata negli Stati Uniti la legge sull’obiezione di coscienza. MinÓ ha sempre avuto un’attenzione particolare per campioni complessi come Maradona, Mennea, Tommy Smith, Lee Evans, Baggio e Tomba. La sensibilitÓ sulla vicenda di Cassius Clay, anche ora che il campione Ŕ afflitto dal morbo di Parkinson, ne Ŕ la prova e conferma la singolaritÓ del libro, che, non a caso, Ŕ introdotto da un prologo di Mina, artista somma, ma anche indiscutibile esperta di boxe.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni sull'autore (2015)

Gianni MinÓ Ŕ uno dei giornalisti italiani pi¨ conosciuti all’estero per i suoi reportage e documentari che hanno evoluto il linguaggio giornalistico della televisione. Ha seguito Mondiali e Olimpiadi, oltre a decine di campionati mondiali di pugilato, fra cui quelli leggendari di Cassius Clay-Muhammad Ali, che ha seguito in tutta la sua vicenda umana e sportiva, fino a raccontarne il mito. La grande boxe, spiegata in 14 puntate, intitolata Facce piene di pugni, Ŕ uno dei suoi fiori all’occhiello, cosý come Storie del Jazz, un affresco di 4 puntate in cui era accompagnato, di volta in volta, da un grande della musica afroamericana come Stan Getz o Dizzy Gillespie. Memorabili i suoi reportage sulle lotte e il riscatto dell’America Latina, all’epoca delle dittature militari e delle ferite inferte alle popolazioni dalla crudele stagione del Plan Condor e della tragedia dei desaparecidos. Nell’82 il presidente Pertini gli ha consegnato il premio Saint-Vincent quale migliore giornalista televisivo dell’anno. Nel 1987 Gianni MinÓ ha intervistato per 16 ore Fidel Castro per un documentario diventato storico, nel quale il leader cubano, per la prima volta, ha raccontato la sua amicizia con “Che” Guevara e i sogni, realizzati e non, della rivoluzione cubana. Nel 2004 ha vinto, con il documentario In viaggio con “Che” Guevara, i festival di MontrÚal, Siviglia e il Nastro d’Argento. Nel 2007, per la serie di documentari Cuban memories, MinÓ Ŕ stato premiato alla carriera al Festival di Berlino con il Berlinale Kamera, il riconoscimento pi¨ prestigioso al mondo nel settore dei documentari. Tra i suoi libri: Fidel, Un continente desaparecido, Un mondo migliore Ŕ possibile, Il continente desaparecido Ŕ ricomparso e Politicamente scorretto, un riassunto di suoi articoli degli ultimi 10 anni. Una sua serie di 10 dvd su Diego Maradona, prodotta da Rai Eri, ha venduto, nel 2007, 1.300.000 copie, record nel mercato italiano. Attualmente MinИ edita e dirige la rivista di geopolitica Latinoamerica e tutti i sud del mondo

Informazioni bibliografiche