Hermathena, Volume 13

Copertina anteriore
University of Dublin, 1905
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 43 - Then, soul, live thou upon thy servant's loss, And let that pine to aggravate thy store ; Buy terms divine in selling hours of dross ; Within be fed, without be rich no more : So shalt thou feed on Death, that feeds on men, And, Death once dead, there's no more dying then.
Pagina 206 - 1 mio dire Nel vero farsi come centro in tondo. Ciò che non more e ciò che può morire Non è se non splendor di quella idea Che partorisce, amando, il nostro Sire...
Pagina 197 - L' animo, ch' è creato ad amar presto, Ad ogni cosa è mobile che piace, Tosto che dal piacere in atto è desto. Vostra apprensiva da esser verace Tragge intenzione, e dentro a voi la spiega, Sì che 1
Pagina 195 - Se così fosse, in voi fora distrutto Libero arbitrio, e non fora giustizia, Per ben, letizia, e per male, aver lutto. Lo cielo i vostri movimenti inizia, Non dico tutti: ma, posto ch...
Pagina 209 - Al mio concetto ! e questo, a quel ch' io vidi, È tanto, che non basta a dicer poco. O luce eterna, che sola in te sidi, Sola t...
Pagina 211 - E poi piaccia a colui che è sire de la cortesia, che la mia anima se ne possa gire a vedere la gloria de la sua donna, cioè di quella benedetta Beatrice, la quale gloriosamente mira ne la faccia di colui 'qui est per omnia secula benedictus'
Pagina 206 - O abbondante grazia, ond' io presunsi Ficcar lo viso per la luce eterna Tanto, che la veduta vi consunsi ! Nel suo profondo vidi che s...
Pagina 62 - Send therefore now, and gather thy cattle, and all that thou hast in the field; for upon every man and beast which shall be found in the field, and shall not be brought home, the hail shall come down upon them, and they shall die.
Pagina 338 - And I said, This is my infirmity : but I will remember the years of the right hand of the Most High.
Pagina 204 - Acuto sì, che il viso, ch' egli affoca, Chiuder conviensi, per lo forte acume : E quale stella par quinci più poca, Parrebbe luna locata con esso, Come stella con stella si colloca. Forse cotanto, quanto pare appresso Alo cinger la luce che il dipigne, Quando il vapor, che il porta, più è spesso, Distante intorno al punto un cerchio d...

Informazioni bibliografiche