Immagini della pagina
PDF
ePub

AnhA ...e di Monfer-

noolcbe tempo obbedisce a Carlo a'Angiò, poi al - . . . . pag. Uff

rato, poi al conte Tommaso HI

Xiominio temporale muove gravi litigi

Il vescovo Goffredo per »' principi di Savoja. Fatti lodevoli di questo

, '• rr :. . » 418

ir xxxv.

..ino sotto il mute Amedeo V. — Questo comune ha gravi controversie

con quello di Moncalieri, e poi coi signori di Beiuasco ....*> 426

XXXVI.

Amedeo V dismette il Piemonte al nipote Filippo: questi si conduce a

Torino, e ne prende il possesso: com'ei diviene principe d'Acaja: alcuui

suoi tatti » 429

XXXVII.

Arrigo VII viene a Torino: i cittadini gli prestano l'omaggio di fedeltà:

i nostri Principi lo ajutauo nell'impresa d'Italia, e ne sono rimunerati « 436

XXXVIII.

Fatti biasimevoli e fatti laudabili di Filippo d'Acaja; Torino prova gli

effetti degli uni e degli altri. I torinesi accolgono splendidamente Gioanua

di Savoja novella imperatrice di Costantinopoli, e poi il re Gioauui

figlio di Arrigo VII « 443

XXXIX.

Un'orribile congiura, ordita dai ghibellini torinesi contro il principe d'A-

caja, è sventata. 11 vescovo di Torino Guido II estirpa in questa città

un vizio sommamente nocivo "450

XL.

Condizione di Torino sotto Jacopo d'Acaja. — Da lui sono instituite la

società del popolo e la compagnia del Fiore. — Scopo ed importanza

di queste due società » 454

XLI.

Sorti di Torino dopo la morte di Jacopo d'Acaja sino all'estinzione del

di lui casato » 468

XLII.

Amedeo VIIi viene a Torino e riceve gli omaggi dei Piemontesi. Sotto

il suo saggio governo assai migliorano i destini di questa città . . « 492

XLIII.

Come procedessero le cose di Torino dall'anno 1439 sino al principio del

secolo xvj » 320

XLIV.

Torino sotto i brevi regni di Carlo I, Carlo li, Filippo II, Filiberto II » 563

XLV.

Sotto il regno infelicissimo di Carlo HI Torino fu occupata dai Francesi.
— Lodevole contegno dei Torinesi durante quell'infausta occupazione » 395

é - XLVI.

Emanuele Filiberto vuol regnare in modo assoluto; ma ristaura gli stati

suoi, e rialia Torino a grande lustro e prosperità . . . '. . « 633

XLV1I.

Carlo Emanuele I: a malgrado ili sue imprese gigantesche e rovinose i

Torinesi gli portano grande amore , e gliene danno una prova me-

moranda pag. 677

XLVIII.

Indole di Carlo Emanuele I; durante il suo regno la pietà dei tori-
nesi era confortata quattro votte dalla presenza di s. Francesco di

Sales » GU3

XLIX.

Vittorio Amedeo I: la peste imperversa in Torino: quanto vi si fa per

iscemarne gli orribili effetti » 700

L.

Reggenza di Madama Reale Cristina. — Evenimenti della guerra cittadina

sino alla riconciliazione fra la Reggente ed i suoi coguati - . - "711

LI.

Si scuopre in Torino un'orribile congiura contro la Reggente e il Duca

suo figlio: il principal cospiratore è uu monaco: sebbene la corte di

Roma si ostini a non consentire che soggiaccia alla meritata pena, egli

tuttavia insieme con un altro complice è commesso al carnefice . "724

LH.

Cessa la reggenza per uno stratagemma di Madama Cristina. — Com'ella
fa inaugurare in Torino il nuovo regno del Duca suo figlio . . * 720

un.

Ulteriori fatti di Carlo Emanuele li "731

LIV.

La duchessa Cristina accoglie in questa capitale la regina Cristina di

Svezia: paragone tra queste due principesse: restituzione della torinese

cittadella « 733

LV.

Munificenza di Carlo Emanuele II: i torinesi ne pi ovano effetti cospicui « 740

LVI.

Morte di Carlo Emanuele II: reggenza della duchessa Giovanna Battista:

breve cenno del regno di Vittorio Amedeo II fino al 1706 . • * 742

LVII.

Famoso assedio di Torino del 1706 ; "7S6

LVIIL

Gran disfatta de' francesi sotto Torino: liberazione di questa città . » 767

LIX.

Conseguenze della gran giornata dell'8 settembre sotto Torino - - » 776

LX.

Vittorio Amedeo diviene re di Sicilia : sua incoronazione a Palermo: Torino

altamente se ne rallegra, quantunque in sulle prime ne sia pregiudicata » 778

LXI.

Utili riforme ed iustituzioni fatte da Vittorio Amedeo II: le più impor-
tanti di esse giovano massimamente alla città di Torino . . . - « 78i

LXII.

Il papa Benedetto XIII manda a Torino un religiosa francescano per ve-

dere di por lermìne a lunghe controversie Ira la corte di Savoia e la

s. Sede pag- 791

LXIII.

Carlo Emanuele III: rapido sguardo sopra i suoi fatti militari: per lui

Toriuo vieppiù cresce d'importanza e di prosperità "796

LXIV.

Vittorio Amedeo HI: con quali auspici ei sale al trono: suoi primi atti:
alcuui suoi provvedimenti a pro dei torinesi » 8l8

, LXV.

Viaggio di Vittorio Amedeo III in Savoja: si alzano in Torino molte

doglianze su la prodigalità di questo Re, e la sua troppo stretta unione

colla corte di Parigi n 821

LXVI.

11 re di Prussia per la prima volta manda un suo ambasciatore a Torino . n 823

LXVII.

Il granduca di Russia viene a Torino, e vi è accolto -con grandi festeg-

giamenti. Mezzi di cui si vale Vittorio Amedeo III pel compiuto sta-

bilimento della torinese accademia delle scienze « 824

LXVIII.

Scoppia nel 1789 la rivoluzione in Francia. — Il conte d'Artois rifugge a

Torin». — Il nostro Re non vuol ricevere il francese ambasciatore Se-

mooville. — Per un tal rifiuto gli è dichiarala la guerra dall'assemblea

nazionale « 826

LXIX.

Tumulto scolaresco in Torino. — Conseguenze di esso « 827

LXX.

I repubblicani di Francia cominciano le ostilità: ai primi loro impeti mal

resistono le truppe subalpine » 829

LXXI.

Vittorio Amedeo si mette sull'offensiva con succedimelo infelice. — Scuo-

presi in Toriuo un'orribile congiura ordita per trucidare il Re e la

reale famiglia n 831

LXXIL

Continua la succinta narrazione dei tristi evenimenti della guerra da Vit-

torio sostenuta contro la Francia repubblicana « 833

LXXIII.

Carlo Emanuele IV: come dà principio al suo regno: si collega colla

Fraocia nella speranza di salvar lo stato ed il trono » 836

LXX IV.

Un presidio francese occupa la cittadella di Torino: gli ufficiali di tal

presidio fanno una mascherata con un perfido scopo « 838

LXXV.

II generale Jouberl costituisce in Piemonte un governo provvisorio . » 841

LXXVI.

Torino cade nelle mani dei confederati. -- Suwarow stabilisce in questa

città un governo temporaneo, cui si dà il nome di Supremo Consiglio. —

Primi provvedimenti di questo Consiglio m 844

LXXVH.

Sua'arow vuole il pronto ritorno di Carlo Emanuele a Torino: il suo

buon volere è reso vano dalle inique mene della corte di Vienna pag. 846

LXXVIII.

Torino ricade in potere de' francesi: di bel nuovo è sede di un governo

provvisorio: sua triste condizione a quel tempo » 850

LXXIX.

'Va da Torino a Parigi una deputa/ione per ringraziar Bonaparte: egli
spedisce subito alla nostra capitale commissari parigini. — Menou: come

ei tratta i nobili torinesi, ed essi corteggiano lui "838

LXXX.

Napoleone, e p,oco stante Pio VIJ vengono a Torino. — Monsignor Bu-
roozo è indotto dall'uno e dall'altro a rinunziare a questa sede arcive-
scovile; gli succede monsignor della Torre cbe può fare un gran bene

alla chiesa torinese ....... 7 . -' "8fil

LXXXI.

Sorti di Torino dacché il principe Borghese fuvvi stabilito governator

generale sino al 1814 863

Lxxxn.

Torino riacquista la dignità d'inclita capitale, e ridiviene la sede dena-

turali suoi Principi ..." 868

INDICAZIONE

dei capi conlenuli nella biografia torinese,

. e. de' nomi degli uomini dislinti,
ehe in quelli sono commendati alla memoria
de' posleri.

Bergera Giulio Cesare . pag. 874

Vibò Michele Antonio » 876

Maillard di Tournon Carlo Tommaso » 878

Delle Lanze Carlo Vittorio Amedeo » 885

Chiaveroli Colombano » 890

Miri ecclesiastici degni di onorata menzione.

Vacchetta Carlo Antonio » 892

Sinco della Torre Gian Giulio » 894

Cariniola Alipio » 899

Germonio Anastasio » ivi

Barberino Antonio » ivi

Malctto Carlo » ivi

Bucio Domenico Filiberto » ivi

Barucco Giovanni » ivi

Conterio Giovanni » ivi

Rusca Giovanni Alessandro » 900

Ruota Gioanni Amedeo » ivi

Appiano Gioanni Battista » ivi

Balbo Gioanni Battista » ivi

Gioanni Battista, minor francescano » ivi

Della Rovere Gerolamo » ivi

Salino Gregorio » 901

Guglielmo, vescovo di Torino . » ivi

Guglielmo, eremitano di s. Agostino » ivi

Scoto Lorenzo » ivi

Stratta Nicolò » ivi

Dentis Orazio » ivi

Orengiano Pietro Paolo » ivi

Cadana Salvatore 902

Arpino Sebastiano » ivi

San Turibio » ivi

Ajmo Gerolamo » ivi

Carrera Gerolamo » 903

Carlo Tommaso, cisterciense » ivi

Gioannini Vincenzo ■ ivi

Maletlo Carlo » ivi

Marabotto Benedetto » ivi

Negri Michele » ivi

« IndietroContinua »