Handbuch der italienischen National-Literatur, historische geordnete Anthologie von A. Ebert

Copertina anteriore
Adolf Ebert
1854
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 45 - Per me si va nell' eterno dolore, Per me si va tra la perduta gente. Giustizia mosse il mio alto fattore : Fecemi la divina potestate, La somma sapienza e il primo amore. Dinanzi a me non fur cose create, Se non eterne, ed io eterno duro : Lasciate ogni speranza, voi ch...
Pagina 62 - Surge a' mortali per diverse foci La lucerna del mondo : ma da quella , Che quattro cerchi giugne con tre croci , Con miglior corso, e con migliore stella Esce congiunta, e la mondana cera Più a suo modo tempera e suggella. Fatto avea di là mane, e di qua sera Tal foce quasi , e tutto era là bianco Quello emisperio , e l' altra parte nera , Quando Beatrice in sul sinistro fianco Vidi rivolta . e riguardar nel Sole : Aquila sì non gli s
Pagina 544 - ... mortale la sua cruenta polvere a calpestar verrà. Lui folgorante in solio vide il mio genio e tacque; quando, con vece assidua cadde, risorse e giacque, di mille voci al sonito mista la sua non ha...
Pagina 72 - 1 bel tempo rimena ei fiori e l'erbe, sua dolce famiglia, e garrir Progne e pianger Filomena, e primavera candida e vermiglia...
Pagina 59 - Più dalla carne, e men da' pensier presa, Alle sue vision quasi è divina ; In sogno mi parea veder sospesa Un...
Pagina 67 - Di Caritade, e giuso intra i mortali « Se' di speranza fontana vivace. « Donna, se' tanto grande, e tanto vali, « Che qual vuol grazia, ea Te non ricorre, « Sua disianza vuol volar senz'ali.
Pagina 49 - E come gli stornei ne portan l' ali, Nel freddo tempo, a schiera larga e piena, Così quel fiato gli spiriti mali. Di qua, di là, di giù, di su gli mena : Nulla speranza gli conforta mai, Non che di posa, ma di minor pena. E come i gru van cantando lor lai, Facendo in aer di sé lunga riga ; Così vid' io venir, traendo guai, Ombre portate dalla detta briga : Perch...
Pagina 253 - Era la notte, e il suo stellato velo Chiaro spiegava e senza nube alcuna; E già spargea rai luminosi e gelo Di vive perle la sorgente luna. L...
Pagina 74 - 1 piacer s'accende Che dolcemente mi consuma e strugge; Come sparisce e fugge Ogni altro lume dove '1 vostro splende, Così dello mio core, Quando tanta dolcezza in lui discende, Ogni altra cosa, ogni pensier va fore, E sol ivi con voi rimansi Amore. Quanta dolcezza unquanco Fu in cor d'avventurosi amanti, accolta Tutta in un loco, a quel ch...
Pagina 55 - Tu 1 sai che non ti fu per lei amara In Utica la morte, ove lasciasti La veste ch

Informazioni bibliografiche