Tutto è uno. L'ipotesi della scienza olografica

Copertina anteriore
Feltrinelli, 2016 - 349 pagine
Quasi tutti conoscono gli ologrammi, immagini tridimensionali proiettate nello spazio per mezzo di un laser. Ora, due grandi scienziati - David Böhm, fisico quantistico presso la University of London e Karl Pribram, neurofisiologo di Stanford, uno degli artefici della nostra attuale concezione del cervello suppongono che l'universo stesso sia organizzato come un ologramma, in cui ogni parte contiene il tutto. Questo nuovo modo di considerare l'universo dovrebbe chiarire non solo molti degli enigmi insoluti della fisica, ma anche quegli accadimenti misteriosi come la telepatia, le esperienze extracorporee e di premorte, i sogni "lucidi", e perfino le esperienze religiose e mistiche di unità cosmica e le guarigioni miracolose.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Tutto è uno. L'ipotesi della scienza olografica

Recensione dell'utente  - luciano - IBS

In questo libro vengono trattati molti fenomeni paranormali: telecinesi, esperienze extracorporee e di pre-morte, l'inconsistenza della separazione fra passato-presente-futuro, la materializzazione di ... Leggi recensione completa

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni bibliografiche