Ponu cresci favi ‘nd’e mascisi

Copertina anteriore
Lampi di stampa, 1 lug 2007 - 154 pagine
Ogni volta che la vita ci propone esperienze importanti, ci accorgiamo di pensare nella lingua a noi pi¨ familiare, generalmente quella appresa quando eravamo bambini. Per chi ha speso la miglior parte della sua vita in un paese tale lingua Ŕ il dialetto, che permette di esprimere la complessitÓ delle proprie emozioni attraverso sottili metafore, maliziose sfumature o grossolane allusioni. Sopravvive nel dialetto una testimonianza di altri tempi, quando pi¨ evidente era la povertÓ e pi¨ semplici e immediati erano i bisogni della gente. In molti proverbi o forme dialettali sono ancora evidenti le ferite di una storia avversa, quasi sempre al servizio dei ricchi e inesorabile nei confronti dei contadini. Il presente saggio prova a spiegare, in italiano, il senso di alcuni termini dialettali, scelti tra quelli pi¨ importanti e caratteristici. Non cerchi il lettore l’eccellenza filologica o la profonditÓ etimologica: chi scrive ha selezionato il materiale in modo istintivo, basandosi esclusivamente sulla testimonianza diretta, e munito solo dell’amore verso un luogo e una storia a cui si sente per sempre tenacemente legato.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Indice

Introduzione
9
B come Bacchittata
25
F come Famiglia
51
come LÓana
65
N come Nananti
79
Q come Quaglialatte
103
T come Tantiddu
133
Z come Zappa
149
Copyright

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche