Delle opere del signor commendatore Don Gianrinaldo, conte Carli, Volume 3

Copertina anteriore
Nell' Imperial monistero di S. Ambrogio maggiore, 1784
0 Recensioni
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 152 - Nulli ergo omnino hominum liceat hanc paginam nostrae concessionis infringere vel ei ausu temerario contraire. .Si quis autem hoc attentare praesumpserit indignationem omnipotentis Dei et beatorum Petri et Pauli Apostolorum ejus se noverit incursurum. Datum Perusii XV Kalendas Octobris Pontificatus nostri anno secundo.
Pagina 316 - ... contradictione vel repeticione. Si quis vero quod futurum esse non credo , si ego ipse...
Pagina 256 - UBO aspro, ei deni tolleri non si danno uè si spendono in pagamento di mercatanzia , ma solamente in erbe, e cose minute e bisognevoli per la terra. A Caffa se ha più maniere di misure e pesi, cioè : Cantare che è cantare genovesco. Libbra grossa che lib. 7 fanno uno cantare in Genova.
Pagina 217 - Dei varii generi di moneta coniata e posta in corso in molte zecche d'Italia, aggiuntovi l'intrinseco valore di essa sino al secolo xvn.
Pagina 88 - Imperialem celsitudinem decet predecessorum suorum pia facta non solum inviolabiliter conservare, sed etiam censurae suae auctoritate alacriter...
Pagina 316 - Et nec mihi licead ullo tempore nolle quod voluit et quod ad me semel factum vel conscriptum est sub iusiurandum inviolabiliter conservare promitto cum stipulacione subnixa.
Pagina 264 - Perperi d'un'altra ragione che ànno in sul braccio una lunetta e uno punto cosi fatta: J) , ed è peggio denari 6 a fiorino l'oncia di quelli della quinta ragione detti di sopra, ma mescolate con queste l'altre due ragione sopradette rispondono come buono oro di teri, cioè a carati 162/3 d'oro fine per oncia.
Pagina 81 - Quia vero clementia nostra Mediolanenses, ut ad cor redirent, diu sustinuit, cum magis eorum in dies iniquitas et malicia...
Pagina 265 - In Gostantinopoli e in Pera si spendono di piue maniere monete, che primamente in tutti pagamenti di mercatantia si spendono e si danno in pagamento a peso di bilance una moneta d'oro che s'appellano perperi...
Pagina 116 - Il perchè penso io, che que'Diplomi , ne' quali non altro si legge , che la concession, o la Regalia della Zecca ; per ]o più non servissero che pel profitto della Zecca, nel numero dell' altre Regalie compreso . Il diritto di conio poi una particolare dichiarazione richiedeva, come ne...

Informazioni bibliografiche