I feudi ed i comuni della Lombardia

Copertina anteriore
Pagnonielli, 1857 - 312 pagine
0 Recensioni
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Indice

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 13 - Faenus agitare et in usuras extendere ignotum; ideoque magis servatur quam si vetitum esset. agri pro numero cultorum ab universis per vices occupantur, quos mox inter se secundum dignationem partiuntur; f'acilitatem partiendi camporum spatia praestant.
Pagina 40 - Per hos Langobardorum duces, septimo anno ab adventu Alboin et totius gentis, spoliatis ecclesiis, sacerdotibus interfectis, civitatibus subrutis populisque, qui more segetum excreverant, extinctis, exceptis his regionibus quas Alboin ceperat, Italia ex maxima parte capta et a Langobardis subiugata est.
Pagina 195 - E parimenti i mercanti e gli altri cittadini non compresi nell'orditura feudale, ebbero un consiglio delle parochie urbane, che si chiamò Credenza di Sant'Ambrogio. Questa giurisdizione consolare, proteggendo abbastanza gli industrianti, rese inutili le corporazioni e le maestranze; e con ciò mantenne il foco sacro della libera concorrenza. Si svolse così il nuovo diritto commerciale; e per l'universalità delle sue forme e la irresistibile rapidità della sua procedura, si divise affatto e dal...
Pagina 183 - Parmi pur ch' a' tuoi dì la grazia tocchi . L'antiche mura , che ancor teme , ed ama , E trema il mondo , quando si rimembra Del tempo andato, e indietro si risolve; E i sassi, dove fur chiuse le membra Di ta...
Pagina 37 - Liberti non multum supra servos sunt, raro aliquod momentum in domo, numquam in civitate, exceptis dumtaxat iis gentibus quae regnantur. Ibi enim et super ingenuos et super nobiles ascendunt : apud ceteros impares libertini libertatis argumentum sunt.
Pagina 108 - Mantua, dives avis ; sed non genus omnibus unum : Gens illi triplex, populi sub gente quaterni ; Ipsa caput populis ; Tusco de sanguine vires.
Pagina 68 - ... genti italiche, poscia in vario modo provocò lo svolgimento dei Comuni, e finalmente parte fu riassorbito nelle Monarchie, parte salì a principati...
Pagina 75 - Municipes ergo sunt cives Romani ex municipiis, LEGIBUS suis ET SUO JURE UTENTES, muneris tantum cum populo Romano honorarii participes, a quo munere capessendo appellati videntur, nullis aliis necessitatibus, NEQUE ULLA POPULI ROMANI LEGE ASTRICTO, cum numquam populus eorumfundus factus esset.
Pagina 196 - ... e lo si chiamò podestà, perché appunto rappresentava la mano regia, e colla forza di tutti sanciva la commune volontà. Cominciò un'era d'esaltazione bellicosa. In un castello del Lago Ceresio alcuni Comensi aveano ucciso due fratelli Carcano di Milano; le vedove ei congiunti vengono sulla piazza del Duomo, mostrano al popolo le vesti sanguinose degli uccisi, implorando vendetta. Il vescovo Giordano...
Pagina 285 - ... provvide della natura. Spogliando i monti e le valli delle -boscaglie , onde sono vestiti e difesi, noi veniamo ad abbattere i tanti moltiplicati ed efficaci ripari , che arrestano i nembi , e le dirotte pioggie , ed impediscono le repentine , e micidiali escrescenze de...

Informazioni bibliografiche