Le grazie: dialogo che compie la dissertazione [del medesimo] sopra la lingua italiana

Copertina anteriore
P. Ducci, 1841 - 325 pagine
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Indice

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 17 - Là dove più ch' a mezzo muore il lembo. Oro ed argento fino, e cocco e biacca, Indico legno lucido e sereno, Fresco smeraldo in i' ora che si fiacca, 75 Dall' erba e dalli fior dentro a quel seno Posti, ciascun saria di color vinto, Come dal suo maggiore è vinto il meno. Non avea pur natura ivi dipinto, Ma di soavità di mille odori 80 Vi faceva un incognito indistinto. Salve, Regina, in sul verde e in su' fiori Quindi seder, cantando, anime vidi, Che per la valle non parean di fuori.
Pagina 175 - Posato al nido de' suoi dolci nati La notte che le cose ci nasconde, Che, per veder gli aspetti desiati, E per trovar lo cibo onde...
Pagina 46 - Io era nuovo in questo stato, quando ci vidi venire un possente, con segno di vittoria coronato. Trasseci l'ombra del primo parente, d'Abel suo figlio e quella di Noè, di Moisè legista e obediente; Abraàm patriarca e David re, Israel con lo padre e co...
Pagina 33 - L' una vegghiava a studio della culla, E consolando usava 1' idioma Che pria li padri e le madri trastulla; L' altra traendo alla rocca la chioma, Favoleggiava con la sua famiglia De' Troiani, .e di Fiesole, e di Roma.
Pagina 171 - l bue Cicilian , che mugghiò prima Col pianto di colui, (e ciò fu dritto) Che l'avea temperato con sua lima, Mugghiava con la voce dell'afflitto, io Sì che , con tutto ch...
Pagina 86 - Teseo 1' assalto. Volgiti indietro, e tien lo viso chiuso ; Che se il Gorgon si mostra, e tu il vedessi, Nulla sarebbe del tornar mai suso. Così disse il Maestro ; ed egli stessi Mi volse, e non si tenne alle mie mani, Che con le sue ancor non mi chiudessi. O voi, che avete gì' intelletti sani, Mirate la dottrina, che s' asconde Sotto il velame degli versi strani.
Pagina 31 - Dell' aer puro infino al primo giro, Agli occhi miei ricominciò diletto, Tosto ch' i' uscii fuor dell' aura morta, Che m' avea contristati gli occhi e il petto.
Pagina 180 - Poi s'appiccar, come di calda cera Fossero stati, e mischiar lor colore; Né l'un, né l'altro già...
Pagina 41 - ... che per lo piacerle il suo amore acquistasse, e per questo il potere aver copia di lei. La giovane donna, la quale non teneva gli occhi fitti in...

Informazioni bibliografiche