Pensieri (Utet)

Copertina anteriore
UTET, 21 nov 2014 - 280 pagine
Frutto di una tormentata riflessione che ha occupato interamente gli ultimi anni di vita di Pascal, i Pensieri sono anzitutto l’espressione dello smarrimento di un’anima geniale. Mosso dalla smania quasi febbrile di scrivere una monumentale Apologia del
Cristianesimo, il filosofo francese rivela in quest’opera la sua verità di uomo ancor prima di vestire i panni del pensatore. Come scrive il curatore Bruno Nacci nell’Introduzione , «sbaglia chi legge queste pagine con la volontà di ritrovarvi un pensiero unico, una indefettibile e monotona litania di luoghi “pascaliani”. Quest’opera sconcertante è viva solo perché in essa Pascal è sceso intero, senza alcuna preoccupazione di lasciare un’immagine pacificata di se stesso».
Non è un caso che la sua immersione tra i dubbi della mente, la sua ricerca teologica di un’obiettività di fede contro ogni facile razionalismo, il suo voltare e rivoltare gli argomenti, siano caratterizzati dall’alternanza tra un’ironia arguta e una drammatica solennità: la scrittura di Pascal è figlia della sua incontenibile personalità, e ce lo fa scoprire fratello di chiunque affronti la crisi del proprio mondo interiore e della propria contemporaneità.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni sull'autore (2014)

(Clermont-Ferrand, 1623 - Parigi, 1662) fu un matematico, fisico e filosofo religioso francese. I suoi contributi alle scienze naturali spaziano tra la costruzione di calcolatori meccanici e la chiarificazione di concetti come pressione e vuoto. Nel 1655, al culmine di una crisi religiosa, si ritirò nel convento di Port-Royal e si dedicò alla difesa del giansenismo intervenendo autorevolmente nelle dispute teologiche del tempo. I suoi Pensieri avrebbero dovuto confluire in un unico volume, dedicato all’apologia della religione e della fede cristiana.

Informazioni bibliografiche