Fraseologia sicolo-toscana

Copertina anteriore
Crescenzio Galatola, 1863 - 458 pagine
1 Recensione
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Altre edizioni - Visualizza tutto

Brani popolari

Pagina 380 - Quel che non va nelle maniche va ne' gheroni. Vale che quello che non si consuma in una cosa , si consuma in un
Pagina 362 - Dicesi la prima scorza della noce o della mandorla, che cuopre il guscio, o nocciolo che contiene il seme.
Pagina 44 - Quando alcuno fa, o dice alcuna cosa sciocca, o biasimevole, e da non dovergli per dap pocaggine e tardità o più tosto tardezza sua, riuscire, per mostrargli la sciocchezza e mentecattaggine sua, se gli dice in Firenze : Tu armeggi...
Pagina 189 - Nello stesso modo pecca, ed è punito, chi fa il male, che chi lo consiglia, e vi consente. Scurdgheiu. sm Scorticatore. Chi O Che scortica. * Scurdghein, sm Scorticatoio. Coltello tagliente da scorticare. Souréz, sm Raccapriccio. Scuriccio per Cosa che fa ribrezzo s
Pagina 170 - Co' fiocchi e coi festoni. Sontuosamente. Giagiàr , Calzare vn Qn»drare , tornar bene , andar a verso , capacitare, garbare. - Oh f cofta la n fin giàgia. - Questa non mi si attaglia : a me non calza , a me non quadra : non mi va : non mi entra : non va alla volta mia: non mi va a pelo : mi va a contrappelo : non mi garba.
Pagina 419 - Fare al tocco, vale vedere a chi tocchi in sorte alcuna cosa, il che si fa alzandosi da ciascuno uno, o più diti a suo talento, e facendo cader la sorte in...
Pagina 174 - Crusca l'uso toscano, 6 qualunque cosa che viene senza spesa e, per lo più, da godersi In brigata.
Pagina 354 - Dicesi di chi è bravo di sua persona e non teme di alcuna cosa. Sold de I' emina. . . . Così chiamasi una cerca moneta da un' m che vi stava impressa. Nega o renega i cinq sold a l' ost Vale negar le , cose più certe , i diritti più sagri.
Pagina 146 - D' uno , eh' è benestante , cioè agiato nelle cose del mondo , che ha le «uè faccende ec. incamminate ec. e nondimeno , o per pigliarsi piacere d...
Pagina 50 - È un proverbio preso dal greco, che corrisponde ai nostri detti: « far la gatta morta » — « far la gatta di Masino, che chiudeva gli occhi per non veder passare i topi...

Informazioni bibliografiche