Immagini della pagina
PDF
ePub
[blocks in formation]

Piolenc (Marquis de). Biblioteca: XVI, 6469.

Pizzardi, Carlo Alberto, march., poss.: XXI, 79.

Poiret (M.). Biblioteca: XI, 69.

Pollitiis (de), Sigismondo, di Piacenza, poss.: XVIII, 46.

Polovstoff. Biblioteca: XII, 474-76. Pompadour (M.me de), poss.: XI, 155. Pontano, Giacomo, poss. (1566): XVII, 65. Pope. Collezione, ceduta all'Università di

Harvard: XII, 363-64.

Powis, conte. Biblioteca: XXIV, 340-41;
XXV, 48-49.

Praun, Corrado, fr., poss.: XVI, 342.
Praun, Erhardus, poss.: XVI, 342.
Praun, Udalrico, poss. (1493): XVI, 335.
Pulszky, Francesco, poss.: XVII, 58, 78.
Rabelais, Francesco, poss.: XXIV, 47.
Raffaelli, Costanza, march. (Recanati),
poss.: XX, 314-15.

Raffaelli, Filippo, march., poss.: XVII, 33, 413.

Raimann, Teodoro, m.", poss. (1833): XVII, 66.

Rally (de), Guglielmo, poss. (1832): XVII, 66.

Rapisardi, Mario. Biblioteca: XIII, 160.
Rattier (M.). Biblioteca: XI, 69.
Rayneri, Andrea, cassinese, poss.: XVI, 109.
Rembienlinski. Biblioteca: XII, 38.
Ridt, Giacomo, poss. (1565): XVII, 65.
Romei, Giuseppe, libreria: XXII, 220.
Rooverius, Jacobus. Biblioteca (1641): XII,
243.

Roque (M.). Biblioteca: XIII, 344.

Rosselli-Del Turco, fam. Libreria: XIII, 271.

Rouart, Alexis. Biblioteca: XIII, 186-87.
Roux, Jules Charles. Biblioteca: XXI, 367.
Royat, fam. Biblioteca: XI, 70.
Ruban, Pietro. Biblioteca: XII, 478.
Ruffo di Bagnara, princ. Fabrizio. Libreria:
XVII, 237; XVIII, 172.

Rusca, Cristoforo, di Milano, poss.: XVI, 112.

Sagredo, fam., poss.: XX, 265.

Saibante, fam. Libreria: XIII, 299; - Catalogo dei mss.: XIII, 299.

Salvert, Bellenave. Biblioteca: XI, 431. Sanguinacci, Giorgio Maria, fr., poss.: XVI, 109.

Sanudo, Marino, poss.: XI, 321; XIV, 459. Sardou, Victorien. Biblioteca: XI, 83-84;

XII, 40; Collezione d'autografi: XI,
155.

Sassetti, Giacomo, poss.: XVIII, 42.
Savioli, Cesira, co., poss.: XXI, 79.
Schmidt, Paul. Collezione: XII, 142.
Schuiring, Rodolfo. Biblioteca (1649): XII,
244.

[ocr errors][merged small][merged small][merged small][ocr errors][merged small]

Spanheim, Federico. Biblioteca (1649): XII, 244.

Spoelberch de Lovenjoul. Biblioteca: XV, 117-18, 440; XVI, 25-26.

Sporischius, Johannes, med. d.', poss. (1590): XVI, 346.

Staackmans, Guglielmo. Biblioteca (1645): XII, 243.

Stadler, Giovanni, poss.: XVII, 62.

Stafford, Anna, moglie di Humphrey, poss.: XXII, 107.

Stafford, Enrico, poss.: XXII, 107.

Stafford, John, arciv. di Canterbury, poss.: XXII, 106.

Stefano da Piacenza, fr., poss.: XVI, 458. Stein zum Altenstein (von), Karl Friedrich. Collezione di autografi: XV, 284. Stockton-Hough. Biblioteca: XIV, 116. Stokes, W. Collezione di opere celtiche: XI, 439.

Stoltz, Sebastiano, Vicario di Magonza. Biblioteca: XI, 3, 17.

Stroehlin. Biblioteca: XII, 38; XIV, 86-87. Svajer, Amedeo, di Venezia, poss.: XXII, 271.

Szaivert, Carlo, poss. (1826): XVI, 347.
Szelepcheny, Francesco, poss. (1591):
XVI, 93.

Talbot, John, poss. (m. 1453): XXI, 86.
Tarasconi, Alessandro, co., poss. (1589):
XVIII, 305, 310; XXII, 103.
Teleki, László, poss.: XVII, 71.

Teleki, Maria, poss.: XVII, 71.

Teuffer, Leonardo, poss.: XVII, 77.

Teza, Emilio. Biblioteca: XIV, 33-34, 199; XV, 8-21.

151-55.

[merged small][ocr errors][merged small]

Warneck, Friedrich (Berlino). Collez. di Stammbücher': XII, 479.

Weckerlin, J. B. Biblioteca musicale: XII, 75-76.

Werd (de), Johannes, fr., poss. (1493): XVI, 335.

Westerburgy, Giovanni, Biblioteca (1637): XII, 242.

Weys, Erhardo, Decano di S. Floriano, poss. (1566): XVII, 65.

Wijnkoop, I. D., rabbino. Biblioteca ebraica: XIII, 433.

Wilderich, Giovanni, sac., poss.: XVIII, 45. Wingfield, Richard, poss.: XXII, 107. Zanetti, Ubaldo, di Bologna. Sue raccolte: XXII, 271 sg.

Theobald, H. S. (London). Raccolta: XII, Zellinger, Pietro, poss. (1545): XVII, 65.

Zeno, Apostolo, poss.: XX, 265.

1. Italiani.

f) Indice dei capoversi.

Addio, putana; addio, ingrata cagna: XVI, 15; XVII, 195.

Ahi falso traditor, non te levare: XVI, 10; XVII, 194.

Ai lieti gridi e a la guerriera festa: XIV, 150.
A la mia dolce e vaga: XVIII, 317.
All'acqua sacra del novello fonte: XVIII, 317.
Alla dolce ombra delle belle frondi: XVIII, 306,
311, 313, 318-19.

Alma mia sacra, in un bel velo avvolta: XVI, 10;
XVII, 190.

Alma real se come: XVIII, 313.

Alma, se stata fossi a pieno accorta: XVIII, 317, 318.

Alma Susana ben felice: XVIII, 313.

Alme gentili che nel ciel vi ornaste: XVIII, 313.
Al partir vostro restai semivivo: XIII, 90.
Alta speranza de l'aflitta mente: XVI, 10; XVII,
284.

Ama Jesù, anima innamorata: XI, 142.

Amico, dove veni? De la su: XVI, 10; XVII, 199.

A mi non zolerà tu quel botton: XVII, 195. Amor, adio, ti lasso, hormai son stancho: XVI, 10, 256, 274; XVII, 280.

Amor, ben mi credevo: XVIII, 312.

Amor, che 'ncende il cor d'ardente zelo: XVII, 430.

Amor, che t'ho fatt'io: XVIII, 313.

Amor, com'ha ferito di suo telo: XVII, 430.

Amor con l'ale aperte, a l'arco un strale: XVI, 15; XVII, 189.

Amor con la sua man forte e potente: XVI, 10; XVII, 186.

Amor cosi tal guai per noi con pianti: XVII, 196. Amor, deh dimmi come: XVIII, 313.

Amor di carità: XI, 141.

Amor e il ver fur meco a dir che quelle: XVIII, 317.

Amor et io sì pien di meraviglia: XVIII, 306, 313. Amor, io fallo e veggio il mio fallire: XVIII, 306, 317.

Amorosi pensier, lacrime amare: XVIII, 317.
Amor, se vuoi ch'io torni: XVIII, 313.

Amor, tu m'hai legato e posto in croce: XVI, 10;
XVII, 203.

Ancor che col partire: XVIII, 311, 319.
Ancor ch'io possa dire: XVIII, 317, 327.
Anima benedetta: XI, 141.
Anima, dove vai, dove mi lasci: XVIII, 318.
Anima invitta, gloriosa et alma: XI, 213.
Apo una sacra et honorata riva: XV, 136.
Apparivan per me le stelle in cielo: XVIII, 312.
Arbor che in su la riva obliqua e torta: XVI, 10,
255, 256, 271; XVII, 207.

Ardo come Amor vol in un tal focho: XVI, 430;
XVII, 279.

Armonia suave del dolce canto: XVI, 188-89. Aspro e crudele e dispietato core: XVI, 15; XVII, 186.

Au, au, parlar non so: XVI, 10; XVII, 194. Ave de' cieli imperatrice electa: XVI, 9; XVII, 282.

Aventuroso et benedetto giorno: XV, 136.

Ave regina de' superni cieli: XI, 141.

Beato me direi: XVIII, 312.
Bella impudica mia, gira i lascivi: XII, 213.
Bell'alme al ciel dilette: XI, 409.

Beltà pura me accese e a voi soggetto: XVII, 192. Benchè 'l presente sia da poco e indegno: XVI, 10; XVII, 204.

Benchè 'l sol schaldi le taurine corna: XVI, 10;

XVII, 205.

Ben credev'io che nel tuo regno: XVIII, 313.
Benedetto ne sia lo zorno: XI, 141.
Benefici costui dona, et non vende: XII, 112.
Ben harei il cor di sasso: XII, 112.

Ben ho giusta cagion ond'io mi doglia: XII, 112.
Ben mi credea per voi viver felice: XVI, 10;
XVII, 185.

Ben m'ncresse, madona, e assai mi duole: XVI, 10, 255, 257, 260; XVII, 200.

Ben par ch'Amor havea prexo diletto: XVI, 10; XVII, 196.

Ben qui si mostr'il ciel: XVIII, 312.

Ben seppe Apelle con la man de l'arte: XIV, 144. Ben si po dir che a voi larga e cortese: XIV, 144, 145.

Ben trovò Amor el più costante e forte: XVI, 10, 255, 257, 260; XVII, 201.

Bisogno suol chazar l'orso di tana: XVI, 15;
XVII, 195.

Bona roba ben si spaza: XVI, 9; XVII, 194.
Brigata, se ve piaze: XIII, 84.
Cantai mentre ch'io arsi: XVIII, 313.
Cara la vita mia: XVIII, 313, 322-24.

Cara Vinetia mia, ben che a gran torto: XII, 111.

Cari scogli, dilette e fide arene: XVIII, 313.

Caro augelin, che a la finestra canti: XVI, 10; XVII, 202.

Caro dolce ben mio: XVIII, 313, 324.

Caro el mio animaleto, tu anderai: XVI, 10, 255, 257, 261; XVII, 280.

Caro, preciosso e delicato unguento: XVI, 10, 430; XVII, 279.

Celeste d'amor fiamma: XVIII, 313.

Celeste donna, in bel sembiante: XVIII, 313.

[ocr errors]

Cesar, quando a lo impero gionto fu: XVI, 10; XVII, 193,

Che fai, alma, che pensi? avrem mai pace: XVIII, 306, 318.

Che fai, Brescia, che fai? non ti commove: XI, 217.

Che fai? che pensi? che pur dietro guardi: XVIII, 306, 313.

Che fa oggi il mio sol: XVIII, 313.

Che farem, cuor mio combatuto e lasso: XVI, 10, 255, 257, 261; XVII, 207.

Che li occhi mei a riguardar...: XVI, 10; XVII, 185.

Chend'ài, core mio, che ti lamienti: XVII, 185. Che non fa morte infin? Questo è quel fiore: XVI, 10, 255, 257; XVII, 204.

Che pensi, o cuor de tigre, a che pur guardi: XVI, 11; XVII, 212.

Che puoi tu farmi, Amore: XVIII, 313.

Che val peregrinar di loco in loco: XVIII, 313. Che val Ravenna, e che vai quel da Pava: XVI, 11; XVII, 185.

Chiare, fresche, dolci acque: XVIII, 306.
Chi comprar volesse un gallo: XXII, 306, 307-08.
Chi con eterna legge: XVIII, 312.

Chi credería che mai per sì silvaggi: XVI, 11, 255, 256; XVII, 201.

Chi è possente a riguardar negli occhi: XVI, 9; XVII, 198.

Chi è qui, chi è là? Su, monsignor te vole: XVI, 11; XVII, 194.

Chi farà fede al cielo: XVIII, 313.

Chi vuol veder quantunque può natura: XVIII, 306, 313.

Chi vuol veder tutta raccolt'insieme: XVIII, 312. Ciò che nasse in tera d'oriente: XVI, 11; XVII, 186.

Colei che morta fu tra morti, è viva: XVI, 11; XVII, 203.

Com'avran fin le dolorose tempre: XVIII, 312, 319,

Come avrà vita amor: XVIII, 317,

Come di tre vertù dentro se adorna: XIII, 269.
Come in più negre tenebre: XVIII, 313.

Con desiderio vo cercando: XI, 141.

Con legittimo amore il cielo avinse: XV, 136. Con quelia fè che deve un cor perfecto: XVI, 11, 255, 257, 262; XVII, 206.

Con quella pura fè, con quello amore: XVI, 11, 258; XVII, 211.

Contrario al tuo bel sol non è mai stato: XI, 213. Convignerebbe aver mie labre tinte: XVI, 11; XVII, 185.

Correte, fiumi, a le vostre alte fonti: XVIII, 317. Così per me ben chiuder si potesse: XVI, 11, 258; XVII, 203.

Così sol del mio mal provaste un poco: XII, 112. Costei, che mia benigna e ria fortuna: XVI, 11; XVII, 211.

Credo in un solo omnipotente Dio: XI, 141. Credo, Madonna, già mille fiate: XVI, 11; XVII, 203.

Da' bei rami scendea: XVIII, 312, 320.

Da l'alto zerchio da quetar la doglia: XVI, 9;
XVII, 196.

Da l'aureate crespe chiome terse: XVII, 210.
Dalla Patria già squilla la tromba: XXI, 222.
Dalle belle contrade d'oriente: XVIII, 314.
Da poi che io tochai la bella mano: XVII, 284.
Da quei bei lumi ond'io: XVIII, 314.

Datemi pace, o duri miei pensieri: XVIII, 306, 312, 314.

Da vaghe perle e da vermiglie...: XVIII, 314. D'aver perduto quella honesta et bella: XII, 112. Deh calmate un pocho la mia voglia: XVI, 11; XVII, 194.

Deh fosse il ver che miei fosser quest'occhi: XVIII, 317.

Deh perchè non mi fur svelti de testa: XVI, 11, 255, 256; XVII, 201.

Deh perchè non te straci, o miser core: XVI, 11; XVII, 209.

Deh rafrenati alquanto il corso vostro: XVI, 11, 255, 257, 262-64; XVII, 202.

Deh s'io potesse exprimer chon la voce: XVI, II; XVII, 283.

Deh s'io potesse, quel ch'i'ho dentro al cuore: XVI, 255; XVII, 202.

Deh torzi gli occhi dal soperchio lume: XVI, 9; XVII, 198.

De la memoria l'inteleto mio: XVII, 196. Del mio cotanto e del tuo amar sì poco: XVI, 16; XVII, 200.

Di chi doler mi degio? Io non lo 'ntendo: XVI, 11; XVII, 188.

Dico che ogni tropo noze: XIII, 84.
Di così nobil fiamma: XVIII, 314.
Dimmi, cieco, che avventi: XVIII, 314.
D'Italia vengo e so quello se fa: XVI, 11; XVII,
190.

Ditemi, prego, perchè schive sete:: XV, 136.
Di tempo in tempo mi si fa men dura: XVIII,
306, 312.

Di virtù, di costumi, di valore: XVIII, 314, 324.
Di vostre frondi, o lauri: XXII, 276.
Dolce cantar s'udia: XVIII, 317.

Dolce I... signora, solo chonforto: XVI, 10; XVII, 282.

Dolce mio ben, amor mio caro: XVIII, 317.
Dolce ritorna amor: XVIII, 317.
Dolce vista leggiadra: XVIII, 317.
Dolcissimo mio ben: XVIII, 317.
Dolor, lacrime agli occhi: XVIII, 313.
Dolor non fu nè fia: XVIII, 314, 324.
Donna, che co' begli occhi il cor m'ardeste: XII,
112.

Donna, ch'ornata sete: XVIII, 312.

Donna gentil che de' feminei voti: XI, 409. Donna mi priega perch'io voglia dire: XI, 473. Donna, s'io resto vivo: XVIII, 314.

Donne, io son bon schiapatore: XXII, 312, 313. Donne piatose diventate crude: XXIV, 218. Dunque amar pur devrò chi non gradisce: XII 214.

Dunque l'aureate, crespe e chiome terse: XVI, 11. Dunque, per dir d'altrui, fugi crudele: XVI, 11, 256, 275; XVII, 280.

D'un si bel foco e d'un sì nobil laccio: XVIII, 314.

E ben che 'l cor villano fosse degno: XVI, 10; XVII, 198.

Ecco de l'eterna alma a l'altra vita: XI, 217.

« IndietroContinua »