Si crede Picasso: come distinguere un vero artista contemporaneo da uno che non lo è

Copertina anteriore
Edizioni Mondadori, 2010 - 116 pagine
Da Francesco Vezzoli ad Arnaldo Pomodoro, da Joseh Beuys a Vanessa Beecroft, da Damien Hirst a Michelangelo Pistoletto: che si tratti di artisti notissimi oppure del tutto sconosciuti, di ognuno di questi ci resta sempre il dubbio che sia un nome del tutto sopravvalutato e non del grande genio che ci hanno detto. Davanti a una qualsiasi opera d'arte contemporanea ci resta spesso addosso quella spiacevole sensazione di essere di fronte a una truffa e che l'autore di quella "bizzarria" prima o poi verrà smascherato. Oppure siamo davvero di fronte al nuovo Picasso... ma niente lo lascerebbe supporre. Francesco Bonami, oggi forse il più noto critico e curatore italiano di arte contemporanea nel mondo, torna all'universo di cui è grandissimo esperto e ci insegna a districarci in questa complicata faccenda: come distinguere un vero artista da un ciarlatano. Dopo il successo di "Potevo farlo anch'io", con questo libro riprende a raccontarci, con il suo modo scanzonato e irreverente, le vite e le peripezie dei più grandi artisti degli ultimi decenni, ci spiega perché sono davvero grandi e come non confonderli con quanti veri artisti non sono affatto.
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Indice

Sezione 1
7
Sezione 2
9
Sezione 3
12
Sezione 4
15
Sezione 5
20
Sezione 6
22
Sezione 7
27
Sezione 8
32
Sezione 20
59
Sezione 21
66
Sezione 22
70
Sezione 23
72
Sezione 24
74
Sezione 25
76
Sezione 26
78
Sezione 27
81

Sezione 9
34
Sezione 10
36
Sezione 11
38
Sezione 12
40
Sezione 13
42
Sezione 14
44
Sezione 15
47
Sezione 16
51
Sezione 17
53
Sezione 18
55
Sezione 19
57
Sezione 28
85
Sezione 29
88
Sezione 30
92
Sezione 31
95
Sezione 32
97
Sezione 33
100
Sezione 34
103
Sezione 35
107
Sezione 36
109
Sezione 37
114
Copyright

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche