Taxi. Le strade del Cairo si raccontano

Copertina anteriore
© Editrice il Sirente, 2008 - 216 pagine
Khaled al-Kamissi (giornalista, regista e produttore cinematografico) ha raccolto in questo libro cinquantotto sbobinature fittizie di altrettanti dialoghi e monologhi con/di tassisti egiziani, raccolti tra l'aprile del 2005 e il marzo del 2006. A fare da cornice alle voci che si raccontano, alcune brevi considerazioni dell'autore stesso, infaticabile fruitore, come tutti gli egiziani, delle vecchie, scalcagnate auto bianche e nere che percorrono le vie del Cairo ventiquattrore su ventiquattro. Giovanissimi o molto anziani, istruiti o quasi analfabeti, quasi tutti con un passato di migrazione alle spalle, tutti oberati di debiti e sfruttati da qualcuno (governo, proprietario dell'auto o poliziotto di turno), i taxisti offrono uno spaccato realistico di una città che, si dice, ha ormai superato i venti milioni di abitanti. Chiunque abbia visitato Il Cairo non può non riconoscere l'inarrestabile loquela di una classe lavoratrice che non conosce orari o turni, la curiosità, la sagacia, la rabbia e, talvolta, la maleducazione, di uomini che vivono la maggior parte della loro vita dentro un'automobile e hanno come unico svago il rapporto con il cliente.
 

Pagine selezionate

Sommario

Sezione 1
3
Sezione 2
15
Sezione 3
40
Sezione 4
53
Sezione 5
73
Sezione 6
96
Sezione 7
iv
Sezione 8
vi
Sezione 10
ix
Sezione 11
x
Sezione 12
94
Sezione 13
95
Sezione 14
96
Sezione 15
127
Sezione 16
134
Copyright

Sezione 9
vii

Parole e frasi comuni

Informazioni bibliografiche