Immagini della pagina
PDF
[ocr errors][ocr errors][ocr errors][ocr errors][graphic]
[ocr errors][merged small][ocr errors][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic][graphic]
[merged small][merged small][graphic][graphic]

LUCANTONIO PORZIO.

Leo Porzio uno de più valenti scienziati del Secolo XVII. nacque l'anno 1659 nella terra di Pasitano , amenissimo paese della costa d'Amalfi, ossia di Principato Citeriore. Mandato nel decimo anno della sua età in Napoli , sotto la scorta di eccellenti maestri diede opera alla Filosofia, alla Geometria, e ad altre letterarie discipline. Ma da nobile inclinazione condotto a coltivare le scienze Medico-Fisiche, sotto la direzione del Cornelio pose l'animo a tali studi, onde nel 1658 ebbe la laurea dottorale nell' Università Napolitana. Era in que tempi già grande la luce delle Scienze in Italia, e molti illustri ingegni animosamente tentavano di alzare il velo che molti fenomeni copriva della Natura. L'Accademia degl'Investiganti riunita in casa del Marchese d'Avena era la nobile palestra in cui i Napoletani spiriti si esercitavano alle scoperte naturali, e ad utili osservazioni. Ivi il Borelli, il Capoa, il Cornelio illustravano la scuola medica Napolitana, e andar la faceano del pari alle più pregiate. E fra questi siedè pure il nostro Porzio, e vi si distinse con molte nobilissime Dissertazioni ch'egli vi recitò, e che furono universalmente applaudite. Fra l'altre è osservabile quella intitolata: Del sorgimento de'licori nelle fistole aperte da ambedue gli estremi, ed intorno a molti corpi che toccano la loro superficie. In essa viene impugnata l'opinione di quelli che vogliono che per la elasticità e pressione dell'aria sorgano i licori ne' filtri e nelle fistolette; per la prima volta si dimostra che tutti i corpi atti ad esser bagnati sono buoni per filtri; e si esamina la quistione

« IndietroContinua »