La Gerusalemme liberata, Volume 2

Copertina anteriore
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Gerusalemme liberata

Recensione dell'utente  - Riccardo Tammaro - IBS

La migliore edizione commentata della Gerusalemme liberata. Anche migliore di quella Einaudi. Leggi recensione completa

Gerusalemme liberata

Recensione dell'utente  - Gulliver... - IBS

Sarebbe più che presuntuoso dare un giudizio su un capolavoro assoluto come quello del Tasso, mi limito a segnalare l'ottima fattura di questa edizione, corredata da note a piè di pagina sempre efficaci ed utilissime a chiarire al lettore moderno alcuni passaggi linguisticamente ostici. Leggi recensione completa

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 82 - D'un bel pallore ha il bianco volto asperso, Come a gigli sarian miste viole : E gli occhi al cielo affisa; e in lei converso Sembra per la pietate il cielo e...
Pagina 81 - Amico, hai vinto: io ti perdon... perdona tu ancora, al corpo no, che nulla pavé, a l'alma si; deh! per lei prega, e dona battesmo a me ch'ogni mia colpa lave.
Pagina 81 - Tremar sentì la man, mentre la fronte, Non conosciuta ancor sciolse e scoprio. La vide e la conobbe; e restò senza E voce e moto. Ahi vista! ahi conoscenza!
Pagina 143 - E mover vide un' onda in mezzo al rio, Che 'n se stessa si volse e si ritorse : E quinci alquanto d' un crin biondo uscio; E quinci di donzella un volto sorse; E quinci il petto e le mammelle, e de la Sua forma infin dove vergogna cela.
Pagina 81 - 1 pie le manca egro e languente. Segue egli la vittoria, e la trafitta vergine minacciando incalza e preme. Ella, mentre cadea, la voce afflitta movendo, disse le parole estreme; parole ch'a lei novo un spirto ditta, spirto di fé, di carità, di speme: virtù ch'or Dio le infonde, e se rubella in vita fu, la vuole in morte ancella.
Pagina 179 - L'aura, non ch'altro, è de la maga effetto, l'aura che rende gli alberi fioriti: co' fiori eterni eterno il frutto dura, e mentre spunta l'un, l'altro matura. Nel tronco istesso e tra l'istessa foglia sovra il nascente fico invecchia il fico; pendono a un ramo, un con dorata spoglia, l'altro con verde, il novo e...
Pagina 180 - Deh mira - egli cantò - spuntar la rosa dal verde suo modesta e verginella, che mezzo aperta ancora e mezzo ascosa, quanto si mostra men, tanto è più bella. Ecco poi nudo il sen già baldanzosa dispiega; ecco poi langue e non par quella, quella non par che desiata inanti fu da mille donzelle e mille amanti.
Pagina 82 - Non mori già, ché sue virtuti accolse tutte in quel punto e in guardia al cor le mise, e premendo il suo affanno a dar si volse vita con l'acqua a chi co '1 ferro uccise. Mentre egli il suon de...
Pagina 79 - Ma chiunque io mi sia, tu inanzi vedi un di quei due che la gran torre accese». Arse di sdegno a quel parlar Tancredi, e: «In mal punto il dicesti» indi riprese; «il tuo dir e '1 tacer di par m'alletta, barbaro discortese, a la vendetta». 62 Torna l'ira ne' cori, e li trasporta, benché debili in guerra. Oh fera pugna, u' l'arte in bando, u' già la forza è morta, ove, in vece, d'entrambi il furor pugna!
Pagina 186 - Travaglia in arme or nella siria terra: Te solo, o figlio di Bertoldo, fuora Del mondo, in ozio, un breve angolo serra; Te sol dell' universo il moto nulla Move, egregio campion d'una fanciulla.

Informazioni bibliografiche