L'eredità di Leonardo. Il genio che reinventò il mondo

Copertina anteriore
Bollati Boringhieri, 2014 - 287 pagine
Se c'è un personaggio storico che merita di essere definito "genio universale", nessun dubbio che esso sia Leonardo da Vinci, semplicemente un gigante. Progettò i primi automi funzionanti; immaginò i computer digitali; costruì la prima valvola cardiaca; affrontò i primi studi accurati di anatomia; inventò le prime macchine volanti; rivoluzionò, lui, vegetariano e pacifista, l'ingegneria militare... l'elenco dei campi di applicazione del suo ingegno è vertiginoso. Noi celebriamo giustamente Leonardo come il pittore che ha rivoluzionato l'arte del Rinascimento, l'autore del Cenacolo e della Gioconda, probabilmente il quadro più famoso del mondo. Ma in realtà i suoi contemporanei lodavano e corteggiavano in lui più l'ingegnere, l'architetto, l'inventore di marchingegni terribili e portentosi, colui che impersonava una nuova era grazie alle sue scoperte meravigliose. Perché Leonardo è stato a tutti gli effetti il primo visionario della storia, ha inventato un nuovo modo di pensare, e, grazie alla sua prodigiosa capacità di osservazione della natura e alle sue folgoranti intuizioni, ha rivoluzionato ogni campo della conoscenza a cui si è applicato.

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

L' eredità di Leonardo. Il genio che reinventò il mondo

Recensione dell'utente  - gianni - IBS

Una lettura piacevole che svela e spiega alcuni aspetti della ricerca di Leonardo. Ne emerge il ritratto di un anticipatore dello spirito scientifico, dell'atteggiamento antimetafisico e illuminista, e perfino di una sorta di materialismo quasi presocratico. Interessante. Leggi recensione completa

Altre edizioni - Visualizza tutto

Informazioni bibliografiche