Immagini della pagina
PDF
ePub

Bibbia latina impressa a Venezia dall’ Ottaviano Scoto di Monza nel 1480 e citata e descritta dall'Hain nel suo Repertorium bibliographicum sotto il n. *3080. Speriamo che nell’Abruzzo sieno dei « cimeli » piú preziosi di questo perché l'edizione citata non è, né una rarità, né un « cimelio ». Nel catalogo XXXV (Incunaboli) della Libreria Leo S. Olschki di Firenze sotto il n. 505 se ne offre un bell'esemplare nella sua legatura originale per sessanta lire! L'entusiasmo del sig. Pannella per questo volume è lodevole, ma è certamente esagerato e ciò per

l'assoluta mancanza di famigliarità con le edizioni del quattrocento. Arguire da una semplice descrizione di un volume la sua rarità ed il suo pregio, è cosa troppo ardita. L'articolo chiude con queste parole magniloquenti: « Voglia il genio delle nostre contrade che questa rarità tipografica dell'invenzione di Pamfilo Castaldi (!) non vada via dagli Abruzzi! » Non dubito, che il fervido desiderio del sig. Pannella sarà esaudito ma non pel genio delle sue contrade, si per ben altre ragioni. La leggenda poi, che l'arte tipografica sia invenzione di Pamfilo Castaldi, è troppo sfatata e a chi si occupa seriamente della storia dell'arte della stampa, pare oggimai ridicola! O vorrà forse il sig. Pannella addimostrarne con documenti nuovi la serietà ?

NOTIZIE

Il libro più caro. Roma lo possiede nella biblioteca Vaticana. È una Bibbia in ebraico, di straordinario volume, e del peso di 162 chilogrammi; tre uomini sudano a reggerla

a sulle spalle.

Nel 1512, una Commissione di ebrei offerse, per riscattare quel libro, l'equivalente peso in oro. Giulio II rifiutò.

Al prezzo attuale del metallo prezioso, quella Bibbia varrebbe 1.875.000 franchi.

I manoscritti della Biblioteca di Verna. La Biblioteca del Barone Verna fu venduta a Lione nel novembre 1895, ma soltanto in parte, perché poco prima che incominciasse la vendita le amministrazioni dipartimentali « du Rhône, de l'Isère et de la Loire » avevano fatto sequestrare alcune migliaia di manoscritti come provenienti da Biblioteche ed Archivi pubblici, coll'intimazione della restituzione. Gli eredi del Barone Verna fecero opposizione a questo sequestro e portarono la questione davanti ai Tribunali.

La Revue du Lyonnais del marzo 1899 riporta, come epilogo a questa faccenda, la sentenza del Tribunale civile di Lione.

Risulta da questa che la detenzione o l'acquisto dei suddetti manoscritti da parte del Barone Verna sono nulli ed illeciti; che gli eredi del Verna e l'esecutore del testamento dovranno effettuarne la riconsegna ai prefetti entro quindici giorni dalla pubblicazione della sentenza, sotto pena di una multa di dieci franchi per ogni giorno di ritardo (Bulletin du Bibliophile, 15, IV, 1899).

[ocr errors]

L'Editore Raffaello Giusti di Livorno intraprende la pubblicazione di una Raccolta di rarità storiche e letterarie che sarà affidata alle cure del conte G. L. Passerini, direttore del Giornale dantesco, coadiuvato da valenti collaboratori.

In questa Raccolta vedran la luce, opportunamente e diligentemente illustrate, importanti e svariate scritture, rimaste finora inedite e come sepolte negli scaffali delle biblioteche, o saranno riprodotte, da antiche e oramai quasi introvabili stampe, curiosità pregevoli sotto l'aspetto storico o letterario, immeritamente cadute nell'oblio.

Rinnovando cosí, con metodi moderni, la fortunata collezione del Daelli e del Camerini, dalla quale, al suo tempo, non piccolo beneficio derivò alla cultura nazionale, spera di far cosa generalmente gradita agli studiosi, e in modo speciale ai ricercatori delle antiche costumanze e ai cultori delle nostre lettere.

Della Raccolta si pubblicheranno sei volumetti l'anno, elegantemente e correttamente stampati, di circa 100 pagine l'uno in 8o piccolo e su carta a mano : e saran posti in vendita a mite prezzo, che verrà stabilito volta a volta secondo il numero delle pagine.

I libri nani. Vi furono artisti che vollero creare lo strano anche nei libri: non bastava il volumetto tascabile, comodo, ricercato con desiderio; inventarono il libro nano, l'opera paziente, minuziosa dello stampatore, riducendo il formato alle piú piccole misure, e i caratteri minutissimi, stretti, sí che accanto a questi libri gingilli sta una lente, con cui il lettore può decifrare i punti appena visibili che sono su quelle pagine minuscole.

Immaginiamo, perché è assai raro di poterlo vedere, il libretto di devozione per l'infanzia (Firmin Didot editori, Parigi), alto 27 millimetri, largo 25! E fu domandato se esistessero di ancora piú piccoli: ne esistono! Il signor Giorgio Salomon di Parigi possiede infatti una collezione preziosissima: sono 700 volumi francesi e stranieri, i piú piccoli che siano stati pubblicati e che formano l'ammirazione, la sorpresa dei visitatori.

Il maggiore fra tutti, il gigante, diremo: è un Lafontaine (favole), edito nel 1850 (Laurent e Deberny), alto 54 millimetri, largo 33.

C'è un Orazio pubblicato da Didot di 47 per 30 millimetri ; le Rime del Petrarca (Venezia 1879), 39 per 24; la Divina Commedia (Milano 1878) di 500 pagine, 38 per 22; un Catechismo tedesco del 1611, di 42 per 25; una Charte constitutionelle del 1814, di 22 per 13.

C'è di piú! Ecco un Almanacco inglese, che si può chiamare veramente microscopico, uscito nel 1850, alto millimetri 14 per 10! Eccone alcuni tedeschi di Carlsruhe, di millimetri 14 per 9; e contengono 28 pagine con 12 incisioni. Per ultimo miracolo dell'arte e della pazienza, citeremo una Via Crucis in francese, con 119 pagine e varie incisioni, del formato di 14 millimetri per 6!

!

e

Le principali Biblioteche del mondo sono quindici : la Biblioteca nazionale di Parigi con 2.250.000 volumi ; la Biblioteca di Londra con 1.500.000; la Imperiale di Pietroburgo con 1.100.000; la Nazionale di Firenze con 1.000.000; quelle di Monaco con 900.000, di Berlino con 800.000, di Strasburgo con 640.000, di Washington con 620.000, di Grenoble con 600.000, di Madrid con 600.000, di Copenhageen con 550.000, di Tokyo con 538.000, di Mosca con 515.000, di Boston con 511.900 e, infine, la Biblioteca Vaticana con 500.000.

La stampa nel Belgio. — Il signor J. Kloth ha pubblicata una statistica dei giornali e delle pubblicazioni periodiche del Belgio, dalla quale risulta che al 1° gennaio 1896 si pubblicavano in tutto il Belgio 4689 giornali, de' quali 71 quotidiani. Essi si possono dividere come segue, secondo la materia di che trattano : 486 giornali diversi (interessi locali, notizie, fatti diversi, ecc.); 234 politici, de' quali 71 quotidiani; 153 d'annunzi; 65 religiosi ; 65 di medicina, d'igiene e di farmacia; 64 industriali, tecnici, professionali; 63 di finanze;

53 di sport; 51 d'istruzione e pedagogia; 50 commerciali; 44 socialisti; 41 scientifici; 40 agricoli e orticoli; 33 di giurisprudenza; 29 di letteratura e d’arte; 29 teatrali; 23 di colombofilia; 22 umoristici; 22 di bibliografia; 19 bollettini comunali e provinciali; 17 giornali di belle arti; 15 di studenti; 14 illustrati; 12 di musica; 10 di mode; 8 filatelici; 7 tedeschi; 6 di liberi pensatori; 5 di cucina e di economia domestica; 3 inglesi e 3 d'arte militare.

3

Vangelo miniato. – Elisabetta di Rumenia, l'intellettuale Carmen Sylva, non è soltanto una scrittrice di romanzi e di novelle squisita, una poetessa di prim'ordine, ma è pure una pittrice valente, come dimostra il magnifico Vangelo da lei miniato e che da qualche giorno trovasi esposto nell’Ateneo di Bucarest. Questo Vangelo consta di trenta fogli di pergamena in quarto grande, in scrittura antica e in lingua rumena, incorniciati da angioli volanti e da teste di cherubini; ogni foglio è orlato in argento massiccio. Il prezioso volume è chiuso in un cofano pure artisticamente lavorato, su cui si legge : « Concordando col pensiero e coi sentimenti del piissimo fondatore della chiesa arcivescovile di Curtea de Arges, la Regina Elisabetta di Rumenia, in sei anni (1886-1892) ha scritto e miniato di sua mano questo santo e divino Vangelo, a ricordo della sua cara figliuoletta, la principessa Maria ».

Il tempio di Arges, secondo la leggenda, fu costruito in tempi antichissimi da un certo maestro Manoli, il quale, perché i muri reggessero, vi fece rinchiudere l'unica sua figlia. Da questa stessa leggenda, Carmen Sylva trasse il suo dramma, intitolato appunto Maestro Manoli, che ottenne tanto successo anche a Vienna. (Fanfulla della Domenica, XXI, 16).

VENDITE PUBBLICHE

[ocr errors]

La ben nota Ditta Sotheby, Wilkinson & Hodge di Londra pubblicò or ora i cataloghi delle vendite seguenti:

I) Catalogo di una collezione di preziosi e rari libri ed importanti manoscritti con e senza miniatura, la cui vendita avrà luogo nei 12, 13 e 14 aprile a. c.

In questa raccolta, della quale pur troppo si tace il nome del proprietario, trovansi ben ventitre manoscritti della Biblioteca di Petrarca, molte edizioni pregievoli della primissima epoca della stampa, antichi Portolani, carte geografiche importantissime, una collezione di edizioni antiche della Bibbia, Messali, Breviari, Libri d'Ore e d'altre opere liturgiche, una serie di interessanti e rare opere italiane con incisioni in legno, di edizioni principi, ecc., ecc.

2) Catalogo della preziosa Biblioteca entomologica e scientifica del defunto ex-presidente della Società entomologica di Londra, signor H. T. Stainton, nella quale è pur contenuta una parte della Biblioteca di I. F. Stephens, la cui vendita avrà luogo il 19 aprile a. C.

3) Catalogo d'una parte della Biblioteca di Samuel Timmins, di una collezione di antichi giornali del defunto Wm. Rayner e della Biblioteca del defunto John Henry Chapman, la cui vendita è fissata per li 20, 21 e 22 aprile a. c.

4) Catalogo di preziosi libri e manoscritti fra i quali una parte della Biblioteca del Rev. Can. Harford di Westminster che saranno venduti nei giorni 24, 25, 26 e 27 aprile a. c.

5) Catalogo d'una Collezione di Manoscritti del defunto Conte di Ashburnham, che si venderà il 1° maggio a. c.

In questa Raccolta vedran la luce, opportunamente e diligentemente illustrate, importanti e svariate scritture, rimaste finora inedite e come sepolte negli scaffali delle biblioteche, o saranno riprodotte, da antiche e oramai quasi introvabili stampe, curiosità pregevoli sotto l'aspetto storico o letterario, immeritamente cadute nell'oblio.

Rinnovando cosí, con metodi moderni, la fortunata collezione del Daelli e del Camerini, dalla quale, al suo tempo, non piccolo beneficio derivò alla cultura nazionale, spera di far cosa generalmente gradita agli studiosi, e in modo speciale ai ricercatori delle antiche costumanze e ai cultori delle nostre lettere.

Della Raccolta si pubblicheranno sei volumetti l'anno, elegantemente e correttamente stampati, di circa 100 pagine l'uno in 8o piccolo e su carta a mano : e saran posti in vendita a mite prezzo, che verrà stabilito volta a volta secondo il numero delle pagine.

e

I libri nani. Vi furono artisti che vollero creare lo strano anche nei libri: non bastava il volumetto tascabile, comodo, ricercato con desiderio ; inventarono il libro nano, l'opera paziente, minuziosa dello stampatore, riducendo il formato alle piú piccole misure, e i caratteri minutissimi, stretti, si che accanto a questi libri gingilli sta una lente, con cui il lettore può decifrare i punti appena visibili che sono su quelle pagine minuscole. Immaginiamo, perché è assai raro di poterlo vedere, il libretto di devozione per l'in

è fanzia (Firmin Didot editori, Parigi), alto 27 millimetri, largo 25! E fu domandato se esistessero di ancora piú piccoli: ne esistono ! Il signor Giorgio Salomon di Parigi possiede infatti una collezione preziosissima: sono 700 volumi francesi e stranieri, i piú piccoli che siano stati pubblicati e che formano l'ammirazione, la sorpresa dei visitatori.

Il maggiore fra tutti, il gigante, diremo: è un Lafontaine (favole), edito nel 1850 (Laurent e Deberny), alto 54 millimetri, largo 33.

C'è un Orazio pubblicato da Didot di 47 per 30 millimetri ; le Rime del Petrarca (Venezia 1879), 39 per 24; la Divina Commedia (Milano 1878) di 500 pagine, 38 per 22; un Catechismo tedesco del 1611, di 42 per 25; una Charte constitutionelle del 1814, di 22 per 13.

C'è di piú! Ecco un Almanacco inglese, che si può chiamare veramente microscopico, uscito nel 1850, alto millimetri 14 per 10! Eccone alcuni tedeschi di Carlsruhe, di millimetri 14 per 9; e contengono 28 pagine con 12 incisioni. Per ultimo miracolo dell'arte e della pazienza, citeremo una Via Crucis in francese, con 119 pagine e varie incisioni, del formato di 14 millimetri per 6!

Le principali Biblioteche del mondo sono quindici : la Biblioteca nazionale di Parigi con 2.250.000 volumi; la Biblioteca di Londra con 1.500.000; la Imperiale di Pietroburgo con 1.100.000; la Nazionale di Firenze con 1.000.000; quelle di Monaco con 900.000, di Berlino con 800.000, di Strasburgo con 640.000, di Washington con 620.000, di Grenoble con 600.000, di Madrid con 600.000, di Copenhageen con 550.000, di Tokyo con 538.000, di Mosca con 515.000, di Boston con 511.900 e, infine, la Biblioteca Vaticana con 500.000.

La stampa nel Belgio. — Il signor J. Kloth ha pubblicata una statistica dei giornali e delle pubblicazioni periodiche del Belgio, dalla quale risulta che al 1° gennaio 1896 si pubblicavano in tutto il Belgio 4689 giornali, de' quali 71 quotidiani. Essi si possono dividere come segue, secondo la materia di che trattano : 486 giornali diversi (interessi locali, notizie, fatti diversi, ecc.); 234 politici, de' quali 71 quotidiani; 153 d'annunzi; 65 religiosi ; 65 di medicina, d'igiene e di farmacia ; 64 industriali, tecnici, professionali; 63 di finanze;

e

53 di sport; 51 d'istruzione e pedagogia; 50 commerciali; 44 socialisti; 41 scientifici; 40 agricoli e orticoli; 33 di giurisprudenza; 29 di letteratura e d'arte; 29 teatrali; 23 di colombofilia; 22 umoristici; 22 di bibliografia; 19 bollettini comunali e provinciali; 17 giornali di belle arti; 15 di studenti; 14 illustrati; 12 di musica; 10 di mode; 8 filatelici; 7 tedeschi ; 6 di liberi pensatori; 5 di cucina e di economia domestica; 3 inglesi 3 d'arte militare.

e

Vangelo miniato. Elisabetta di Rumenia, l'intellettuale Carmen Sylva, non è soltanto una scrittrice di romanzi e di novelle squisita, una poetessa di prim'ordine, ma è

pure una pittrice valente, come dimostra il magnifico Vangelo da lei miniato e che da qualche giorno trovasi esposto nell’Ateneo di Bucarest. Questo Vangelo consta di trenta fogli di pergamena in quarto grande, in scrittura antica e in lingua rumena, incorniciati da angioli volanti e da teste di cherubini; ogni foglio è orlato in argento massiccio. Il prezioso volume è chiuso in un cofano pure artisticamente lavorato, su cui si legge : « Concordando col pensiero e coi sentimenti del piissimo fondatore della chiesa arcivescovile di Curtea de Arges, la Regina Elisabetta di Rumenia, in sei anni (1886–1892) ha scritto e miniato di sua mano questo santo e divino Vangelo, a ricordo della sua cara figliuoletta, la principessa Maria ».

Il tempio di Arges, secondo la leggenda, fu costruito in tempi antichissimi da un certo maestro Manoli, il quale, perché i muri reggessero, vi fece rinchiudere l'unica sua figlia. Da questa stessa leggenda, Carmen Sylva trasse il suo dramma, intitolato appunto Maestro Manoli, che ottenne tanto successo anche a Vienna. (Fanfulla della Domenica, XXI, 16).

VENDITE PUBBLICHE

La ben nota Ditta Sotheby, Wilkinson & Hodge di Londra pubblicò or ora i cataloghi delle vendite seguenti:

I) Catalogo di una collezione di preziosi e rari libri ed importanti manoscritti con e senza miniatura, la cui vendita avrà luogo nei 12, 13 e 14 aprile a. C.

In questa raccolta, della quale pur troppo si tace il nome del proprietario, trovansi ben ventitre manoscritti della Biblioteca di Petrarca, molte edizioni pregievoli della primissima epoca della stampa, antichi Portolani, carte geografiche importantissime, una collezione di edizioni antiche della Bibbia, Messali, Breviari, Libri d'Ore e d'altre opere liturgiche, una serie di interessanti e rare opere italiane con incisioni in legno, di edizioni principi, ecc., ecc.

2) Catalogo della preziosa Biblioteca entomologica e scientifica del defunto ex-presidente della Società entomologica di Londra, signor H. T. Stainton, nella quale è pur contenuta una parte della Biblioteca di I. F. Stephens, la cui vendita avrà luogo il 19 aprile a. c.

3) Catalogo d'una parte della Biblioteca di Samuel Timmins, di una collezione di antichi giornali del defunto Wm. Rayner e della Biblioteca del defunto John Henry Chapman, la cui vendita è fissata per li 20, 21 e 22 aprile a. c.

4) Catalogo di preziosi libri e manoscritti fra i quali una parte della Biblioteca del Rev. Can. Harford di Westminster che saranno venduti nei giorni 24, 25, 26 e 27 aprile a. c.

5) Catalogo d'una Collezione di Manoscritti del defunto Conte di Ashburnham, che si venderà il 1° maggio a. c.

« IndietroContinua »