Istoria civile del regno di Napoli, con accrescimento di note [&c.] fatte dall'autore, e che non si trovano ne nella prima, ne nella seconda edizione, Volume 6

Copertina anteriore
 

Cosa dicono le persone - Scrivi una recensione

Nessuna recensione trovata nei soliti posti.

Pagine selezionate

Altre edizioni - Visualizza tutto

Parole e frasi comuni

Brani popolari

Pagina 115 - ... intelletto incapacissimo, ritenendo solamente il nome ducale, fusse depresso e soffocato da Lodovico Sforza suo zio: il quale, avendo più di dieci anni prima, per la imprudenza e impudichi costumi della madre madonna Bona, presa la tutela di lui, e con questa occasione ridotte a poco a poco in potestà propria le fortezze, le genti d'arme, il tesoro, e tutti i fondamenti dello stato, perseverava nel governo...
Pagina 158 - Imperio di gente Oltramontana trapassando; perché Ferdinando il vecchio, se ben nato in (spagna, nondimeno perché insino dalla prima gioventù era stato, o Re , o figliuolo di Re , continuamente in Italia, e perché non avea altro Principato in altra Provincia , ed i figliuoli , e nipoti tutti nati , e nutriti a Napoli , erano meritamente riputati Italiani. E quantunque la dominazione de...
Pagina 124 - Re Aragonesi, e appresso a loro in grandissima autorità, precettore ancora nelle lettere, e maestro d'Alfonso, parve che o per servare le parti proprie degli oratori, o per farsi più grato a...
Pagina 169 - ... in un tempo medesimo il Reame di Napoli, il quale tra loro si dividesse in questo modo, che al Re di Francia toccasse la città di Napoli con tutta la Terra di Lavoro e la provincia...
Pagina 97 - Repubblica fiorentina ea sé proprio sarebbe molto pericoloso, se alcuno de' maggiori potentati ampliasse più la sua potenza, procurava con ogni studio che le cose d...
Pagina 101 - Maumette loro imperadore, come la grandezza di questo giovane era, se non di presente, nel tempo avvenire per dover nuocere non meno ad esso che a loro; anzi molto più a lui, essendo l'impresa più giusta, rispetto alla religione; più agevole per lo poco tratto del mare Ionio che divide ambi i loro regni, e più favorita da
Pagina 162 - Napoletani , cavalcò per tutta la terra con incredibile allegrezza di ciascuno, ricevendolo la moltitudine con grandissime grida, né si saziando le donne di coprirlo dalle finestre di fiori e d'acque odorifere; anzi molte delle più nobili correvano nella strada ad abbracciarlo, e ad asciugargli dal volto il sudore. E nondimeno non s' intermettevano per questo le cose necessarie alla difesa; perché il marchese di Pescara insieme co...
Pagina 129 - vecchi che nell'anno 1527 si erano ridotti a Somma dove «io era fuggendo la peste che crudelmente infestava Napoli, « in aver veduti tanti errori nel Compendio del Collenuccio
Pagina 173 - Re d'Ungheria suo marito, ebbe promessa di matrimonio da Uladislao Re di Boemia , per indurla a dargli aiuto a conseguire quel Regno, era stata da lui, poiché ebbe ottenuto il desiderio suo, ingratamente...
Pagina 173 - Federigo spogliato nuovamente di Regno sì preclaro , ansio ancora più della sorte di tanti figliuoli piccoli , e del primogenito rinchiuso in Taranto, che della propria) era nella rocca Beatrice sua sorella ; la quale, poiché dopo la morte di Mattia.

Informazioni bibliografiche